Le migliori stampanti 3D 2020

stampanti 3D

Non sono la stampante a margherita di tuo nonno o la matrice di punti di tua madre. In effetti, hanno poca somiglianza con le stampanti fotografiche o per documenti odierne, che possono stampare solo in noiose vecchie due dimensioni. Come suggerisce il nome, le stampanti 3D possono costruire oggetti tridimensionali, con una varietà di materiali.

stampanti 3D

Stanno diventando mainstream, presentandosi presso rivenditori come Staples, Best Buy e Home Depot, e puoi acquistare numerose stampanti 3D e le loro forniture su Amazon.com e attraverso altri punti vendita online. Sebbene si trovino ancora per lo più nei negozi o negli studi di design, nelle scuole e nei centri sociali e nelle mani di hobbisti, le stampanti 3D si trovano sempre più spesso sui banchi di lavoro, nelle sale di ricreazione e nelle cucine, e forse in una casa vicino a te, se non il tuo.

Cos’è la stampa 3D?
Nella sua forma più elementare, la stampa 3D è un processo di produzione in cui il materiale viene depositato, strato dopo strato, per formare un oggetto tridimensionale. (Questo è considerato un processo additivo perché l’oggetto è costruito da zero, al contrario dei processi sottrattivi in ​​cui il materiale viene tagliato, forato, fresato o lavorato via.)

Sebbene le stampanti 3D impieghino una varietà di materiali (come plastica o metallo) e tecniche (vedere “Come funziona la stampa 3D?” di seguito), condividono la capacità di trasformare file digitali contenenti dati tridimensionali, creati su un programma CAD (Computer Aided Design) o CAM (Computer Aided Manufacturing), o da uno scanner 3D, in oggetti fisici.

La stampa 3D è uniforme?
Sì, la stampa 3D può essere considerata stampa, anche se non come è stata tradizionalmente definita. Le pertinenti definizioni Webster di “stampa” si concentrano sulla produzione di stampati, pubblicazioni o fotografie e sulla produzione mediante impressione (l’applicazione della pressione). Nessuna delle due definizioni si adatta davvero alla stampa 3D.

stampanti 3D

Ma da un punto di vista tecnologico, la stampa 3D è una conseguenza della stampa tradizionale, in cui viene applicato uno strato di materiale (solitamente inchiostro). Di solito è così sottile che non c’è altezza evidente (anche se con le stampanti a inchiostro solido, è un po ‘più spessa). Ciò che fa la stampa 3D è estendere notevolmente quell’altezza attraverso l’applicazione di più strati. Quindi avrebbe senso espandere la definizione di stampa per includere la fabbricazione di oggetti tridimensionali in questo modo.

Come funziona la stampa 3D?
Proprio come le stampanti tradizionali, le stampanti 3D utilizzano una varietà di tecnologie. Il più comunemente noto è il modello di deposizione fusa (FDM), noto anche come fabbricazione di filamenti fusi (FFF). In esso, un filamento, composto da acrilonitrile butadiene stirene (ABS), acido polilattico (PLA) o un altro termoplastico, viene fuso e depositato a strati attraverso un ugello di estrusione riscaldato.

Le prime stampanti 3D ad arrivare sul mercato, realizzate a metà degli anni ’90 da Stratasys con l’aiuto di IBM, utilizzavano FDM (un termine registrato da Stratasys), così come la maggior parte delle stampanti 3D rivolte a consumatori, hobbisti e scuole.

Un’altra tecnologia utilizzata nella stampa 3D è la stereolitografia. In esso, un laser UV viene proiettato in una vasca di fotopolimero sensibile agli ultravioletti, tracciando l’oggetto da creare sulla sua superficie. Il polimero si solidifica ovunque il raggio lo tocchi e il raggio “stampa” l’oggetto strato per strato secondo le istruzioni nel file CAD o CAM da cui sta lavorando.

stampanti 3D

In una variazione su questo, hai anche la stampa 3D con proiettore di luce digitale (DLP). Questo metodo espone un polimero liquido alla luce di un proiettore di elaborazione della luce digitale. Questo indurisce il polimero strato dopo strato fino a quando l’oggetto non viene costruito e il polimero liquido rimanente viene scaricato.

La modellazione a getto multiplo è un sistema di stampa 3D simile a un getto d’inchiostro che spruzza un legante colorato simile a una colla su strati successivi di polvere in cui deve essere formato l’oggetto. Questo è uno dei metodi più veloci e uno dei pochi che supporta la stampa multicolore.

Stampante 3D Lulzbot Mini con modelli 3D rossi
È possibile modificare un getto d’inchiostro standard per stampare con materiali diversi dall’inchiostro. Intraprendenti fai-da-te hanno costruito o modificato testine di stampa, generalmente testine piezoelettriche, per lavorare con vari materiali, in alcuni casi stampando le testine di stampa stesse su altre stampanti 3D! Aziende come MicroFab Technologies vendono testine di stampa 3D (oltre a sistemi di stampa completi).

La sinterizzazione laser selettiva (SLS) utilizza un laser ad alta potenza per fondere particelle di plastica, metallo, ceramica o vetro. Alla fine del lavoro, il materiale rimanente viene riciclato. La fusione del fascio di elettroni (EBM) utilizza – avete indovinato – un fascio di elettroni per fondere la polvere metallica, strato dopo strato. Il titanio viene spesso utilizzato con EBM per sintetizzare impianti medici, nonché parti di aeromobili.

A seconda della tecnica, le stampanti 3D possono utilizzare una varietà di materiali, inclusi ma non limitati a metalli (acciaio inossidabile, saldatura, alluminio e titanio tra loro); plastica e polimeri (compresi i compositi che combinano la plastica con metalli, legno e altri materiali); ceramica; gesso; bicchiere; e anche prodotti alimentari come formaggio, glassa e cioccolato! (Vedi il nostro primer sul filam della stampante 3D.

stampanti 3D

Chi ha inventato la stampa 3D?
La prima stampante 3D, che utilizzava la tecnica della stereolitografia, è stata creata da Charles W. Hull a metà degli anni ’80. La stereolitografia è stata tradizionalmente una tecnica commerciale costosa, con macchine che costano da cinque a sei cifre, ma gli ultimi anni hanno visto l’avvento di stampanti stereolitografiche professionali desktop che costano poche migliaia di dollari, così come sistemi di consumo che iniziano ben sotto i mille dollari.

Charles W. Hull
Nel 1986, Hull ha fondato 3D Systems, un’azienda che oggi vende stampanti 3D che utilizzano una varietà di tecnologie. Si va dai kit entry-level ai sistemi commerciali avanzati e 3D Systems fornisce anche servizi di ricambi su richiesta, principalmente per utenti aziendali.

Quali sono i vantaggi della stampa 3D?
Con la stampa 3D, i progettisti hanno la capacità di trasformare rapidamente i concetti in modelli 3D o prototipi (ovvero “prototipazione rapida”) e implementare modifiche rapide al design. Consente ai produttori di produrre prodotti su richiesta piuttosto che in grandi tirature, migliorando la gestione dell’inventario e riducendo lo spazio di magazzino. Le persone in luoghi remoti possono fabbricare oggetti che altrimenti sarebbero inaccessibili.

Da un punto di vista pratico, la stampa 3D può far risparmiare denaro e materiale rispetto alle tecniche sottrattive, poiché viene sprecata pochissima materia prima. E promette di cambiare la natura della produzione, consentendo alla fine ai consumatori di scaricare file per stampare anche oggetti 3D complessi, inclusi, ad esempio, dispositivi elettronici, nelle loro case.

Cosa possono fare le stampanti 3D?
I progettisti utilizzano stampanti 3D per creare rapidamente modelli e prototipi di prodotti, ma vengono sempre più utilizzati anche per realizzare prodotti finali. Tra gli articoli realizzati con stampanti 3D ci sono modelli di scarpe, mobili, fusioni in cera per creare gioielli, strumenti, treppiedi, articoli da regalo e novità e giocattoli.

Le industrie automobilistiche e aeronautiche utilizzano stampanti 3D per realizzare parti. Gli artisti possono creare sculture e gli architetti possono fabbricare modelli dei loro progetti.

Gli archeologi stanno utilizzando stampanti 3D per ricostruire modelli di fragili artefatti, comprese alcune delle antichità che negli ultimi anni sono state distrutte dall’ISIS. Allo stesso modo, i paleontologi ei loro studenti possono duplicare scheletri di dinosauri e altri fossili. Dai un’occhiata alla nostra galleria di oggetti per stampanti 3D semplici e pratici.

Organizer da scrivania stampato in 3D
Medici e tecnici medici possono utilizzare la stampa 3D per realizzare protesi, apparecchi acustici, denti artificiali e innesti ossei, nonché replicare modelli di organi, tumori e altre strutture corporee interne da scansioni TC in preparazione per l’intervento chirurgico.

Un buon esempio è Project Daniel, che stampa in 3D braccia e mani protesiche per le vittime della violenza in Sudan. Inoltre, le stampanti 3D in fase di sviluppo in grado di depositare strati di cellule per creare organi artificiali (come reni e vasi sanguigni) sono già nella fase di ricerca e sviluppo. C’è anche un posto per la stampa 3D in medicina legale, ad esempio per replicare un proiettile alloggiato all’interno di una vittima.

stampanti 3D

Modello di esofago umano
L’elettronica stampata è un insieme di metodi di stampa che consentono di stampare dispositivi elettronici o circuiti su materiale flessibile come etichette, tessuti e cartone, mediante l’applicazione di inchiostri elettronici o ottici. Fornisce la fabbricazione a basso costo di dispositivi a basse prestazioni.

L’elettronica stampata sta iniziando a essere combinata con la stampa 3D, consentendo la stampa di circuiti o dispositivi a strati. Una conseguenza naturale di questa potente combinazione è che un giorno potresti essere in grado di stampare gadget da piani 3D piuttosto che acquistarli.

La preparazione del cibo è un altro modo in cui è possibile utilizzare le stampanti 3D. Il French Culinary Institute ha utilizzato una stampante 3D open source Fab @ Home sviluppata presso la Cornell University per preparare prelibatezze artistiche e il MIT ha creato una stampante 3D per alimenti chiamata Cornucopia. Un piccolo numero di ristoranti sta testando prototipi di stampanti per alimenti. La ricerca sulla stampa 3D della NASA ha incluso la stampa di alimenti, come la pizza stampata in 3D.

Stampante 3D che crea una forma geometrica
Una manciata di stampanti 3D alimentari sono diventate disponibili in commercio. Tendono a concentrarsi su cibi particolari, come cioccolato, frittelle o biscotti.

Cosa sono i servizi di stampa 3D?
Non è necessario possedere una stampante 3D per beneficiarne. Molti servizi di stampa 3D, come Shapeways e Sculpteo, stampano regali e altri piccoli articoli su ordinazione con le proprie stampanti 3D, quindi li spediscono al cliente. I clienti possono inviare i propri file di oggetti 3D o scegliere gli articoli, la maggior parte dei quali progettati da altri utenti del servizio, da un catalogo online.

Ma i servizi di stampa 3D non sono più solo dominio di specialisti. Grandi aziende come UPS hanno introdotto servizi di stampa 3D e alcune tipografie tradizionali hanno aggiunto la stampa 3D su richiesta al loro repertorio.

Dove posso trovare una stampante 3D?
La maggior parte dei produttori di stampanti 3D vende i propri prodotti direttamente online. Molti e-tailer ora li riforniscono, comprese aziende solo online come Amazon.com e altre che hanno anche negozi fisici

. Alcuni di questi ultimi, come Walmart, Best Buy e Staples, li offrono nei negozi e online, ma assicurati di controllare la disponibilità del negozio sui loro siti Web poiché non tutti i punti vendita li portano. Diversi negozi di stampanti 3D sono stati aperti nelle principali città. Ad esempio, iMakr ha vetrine a Londra e New York City.

Alcuni rivenditori online sono specializzati in stampanti 3D, come Dynamism, che vende una gamma di stampanti 3D di diversi marchi e fornisce anche assistenza ai clienti.

Quale software mi serve per la stampa 3D?
Quasi tutte le stampanti 3D accettano file nel cosiddetto formato STL (chiamato per la stereolitografia). Questi tipi di file possono essere prodotti dalla maggior parte dei software CAD, da costosi pacchetti commerciali come AutoCAD a prodotti gratuiti o open source come Google SketchUp e Blender. Per coloro che non sono inclini a creare i propri file 3D, i database di oggetti 3D come Thingiverse di MakerBot offrono numerosi file di oggetti 3D che possono essere scaricati e stampati.

Software di stampa 3D
La maggior parte delle stampanti 3D viene fornita con una suite software, fornita su disco o disponibile per il download, che include tutto il necessario per stampare. Le suite in genere forniscono un programma per il controllo della stampante e un’affettatrice che, in preparazione per la stampa, formatta il file oggetto in livelli in base alla risoluzione selezionata e ad altri fattori.

Alcune suite includono un programma per “riparare” il file oggetto correggendo i problemi che potrebbero interferire con la stampa regolare. I programmi sono nati dal movimento open source RepRap, da cui si è sviluppata la stampa 3D per appassionati. Con alcune stampanti, è possibile scegliere i singoli programmi componenti da scaricare anziché utilizzare ciò che è fornito nella suite.

Cosa riserva il futuro per la stampa 3D?
Una varietà di stampanti 3D per le case e le piccole imprese è prontamente disponibile – PCMag ne ha esaminate un buon numero – ma sono ancora spesso viste come aggeggi esotici e piuttosto costosi. Aspettatevi che questo cambi nei prossimi anni, quando le stampanti 3D diventeranno più comuni nelle case, da trovare sui banchi da lavoro, negli studi, negli uffici domestici e persino in cucina.

Potresti non trovarli in ogni famiglia, ma diventeranno indispensabili per quelle persone che li hanno. Per la maggior parte, gli articoli realizzati con stampanti 3D hanno avuto interni omogenei, ma inizieremo a vedere creazioni più complesse che combinano più materiali e compositi, così come l’elettronica stampabile.

Con le stampanti 3D odierne, se si perde il coperchio della batteria del telecomando della TV, potrebbe essere possibile stampare una cover sostitutiva. Con domani, se perdi il telecomando, forse sarai in grado di stampare un telecomando completamente nuovo.

Inoltre, la stampa 3D sta prendendo piede nello spazio. La NASA sta sperimentando con stampanti 3D a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Alla fine, le stampanti 3D potrebbero essere utilizzate per creare habitat su Marte e altri mondi.

Per salvare gli astronauti dell’Apollo 13 dalla morte per asfissia da monossido di carbonio, la NASA ha dovuto in effetti trovare un modo per inserire un piolo quadrato in un buco rotondo. Se a bordo fosse stata installata una stampante 3D, potrebbero essere stati in grado di risolvere facilmente il problema progettando e stampando un connettore.

Astronauti che utilizzano la stampante 3D
Gli astronauti non possono fare uno swing da Home Depot se hanno bisogno di sostituire una valvola o un widget, ma una stampante 3D potrebbe fabbricarne uno secondo necessità. Allo stesso modo, vedremo stampanti 3D nelle basi antartiche e in altre remote località terrestri, dove la gente non può aspettare sei mesi per il prossimo rifornimento per sostituire parti o strumenti essenziali.

Le applicazioni mediche della stampa 3D non si limitano a protesi, apparecchi acustici e corone dentali. (Vedi “Cosa possono fare le stampanti 3D?” Sopra per un’anteprima di ciò che è in lavorazione.) Le parti di ricambio non devono essere limitate alla meccanica.

Negli ultimi anni abbiamo assistito a un’esplosione nella varietà e negli usi delle stampanti 3D. È simile a dove era il personal computing intorno al 1980. Sebbene sia abbastanza facile vedere alcune delle aree in cui si diramerà il campo della stampa 3D, altre sono al di là della nostra capacità di prevedere, proprio come nessuno nel 1980 avrebbe potuto immaginare molto di ciò che il personal computer si trasformerebbe in.

È possibile che la stampa 3D non abbia lo stesso impatto del PC a livello di consumo, nella vita di tutti i giorni, ma ha il potenziale per rivoluzionare la produzione e, forse più importante, portarla nelle mani dei consumatori di tutti i giorni. Una cosa è certa, però: la stampa 3D è qui per restare.

Anche se esiterei a definire la stampa 3D una tecnologia matura, potresti dire che ha raggiunto la sua adolescenza. Durante il loro primo decennio e cambiamento, le stampanti 3D sono diminuite di prezzo, sono diventate più facili da configurare e utilizzare e sono diventate più affidabili. E potresti pagare meno di quanto ti aspetti: molte funzionalità di fascia alta sono state migrate a modelli economici.

Revisiono le stampanti 3D per PCMag dal 2013. Oggi lo stato della stampa 3D è forte, ma non è sempre stato così. Per i primi anni è stata spesso un’avventura far funzionare una di queste stampanti, figuriamoci con successo durante il nostro regime di test. I problemi con le stampanti basate su filamenti, ovvero la fabbricazione di filamenti fusi (FFF) o la modellazione a deposizione fusa (FDM), erano abbondanti.

Stampante Polaroid PlaySmart 3D
Gli alimentatori del filamento dovevano essere indotti a fornire il filamento dalla bobina all’estrusore. I letti di stampa dovevano essere allineati manualmente. L’estrusore o l’estremità calda doveva essere posizionato correttamente per ridurre al minimo lo spazio tra l’ugello e la piastra di costruzione (la superficie piatta su cui è stampato l’oggetto).

Gli oggetti spesso si attaccavano alla piastra di costruzione e richiedevano sforzi attenti, a volte infruttuosi, per staccarli. Questi e altri problemi hanno richiesto sforzi scrupolosi per essere risolti, spesso combinati con chiamate al supporto tecnico.

Non più. Anche se a volte possono ancora essere ribelli, le stampanti 3D sono cresciute molto e il raggiungimento delle basi della stampante 3D ha avuto molte meno probabilità di finire in una partita di urla su piccole cose.

Cosa cercare in una stampante 3D economica
La grande differenza è il cambiamento avvenuto nei modelli più economici. Qui nel 2020, molti di quei problemi di stampa 3D ostili sono stati risolti (la maggior parte delle volte, comunque), anche per le stampanti 3D di consumo ea prezzi convenienti.

Il livellamento automatico del piano di stampa è la norma ed è possibile rimuovere oggetti stampati in 3D da piastre di costruzione riscaldate e / o flessibili con un minimo di coassiale. La maggior parte dei produttori di stampanti 3D ha sviluppato e perfezionato il proprio software o ha adattato una piattaforma di stampa open source come Cura.

Ciò che separa le stampanti 3D più costose da quelle economiche (“economiche” definite come $ 500 o meno, ai fini di questo articolo) è spesso un gruppo selezionato di funzionalità. Questi includono il volume di costruzione, il tipo di frame, le varietà di filamenti supportati, il software e il mix di connettività. Esaminiamo quelli a turno.

Qual è il volume di costruzione giusto per una stampante 3D?
Il volume di costruzione di una stampante 3D è la dimensione massima (HWD) di una parte che può stampare. (Dico “una parte” perché un oggetto stampato in 3D può essere costituito da più parti che vengono stampate, quindi incollate o altrimenti messe insieme.)

Mentre il volume di costruzione più piccolo di qualsiasi stampante 3D che abbiamo testato è 3,9 x 3,9 x 4,9 pollici, consideriamo qualsiasi volume di costruzione inferiore a 6 x 6 x 6 pollici come piccolo, qualsiasi volume compreso tra 10 x 10 x 10 pollici come medio e qualsiasi stampante con almeno una dimensione di costruzione superiore a 10 pollici ha un volume di costruzione grande .

Flashforge Finder
Come regola generale, le stampanti 3D economiche hanno volumi di costruzione ridotti, mentre quelle più costose hanno volumi di costruzione maggiori. Ciò dipende in parte dal tipo di stampante. Le stampanti 3D a telaio chiuso tendono ad avere piccoli volumi di costruzione, mentre le stampanti a telaio aperto, prive di una struttura fisica rigida, spesso hanno volumi di costruzione relativamente grandi per il prezzo. Ti consigliamo di valutare il volume di costruzione rispetto ai tipi di oggetti che stamperai.

Devo acquistare una stampante 3D a cornice aperta o chiusa?
Il che ci porta alla questione del “fattore di forma” del frame: frame aperto rispetto a frame chiuso. Le stampanti 3D a telaio chiuso sono dispositivi simili a scatole, con una base rigida, pareti (con una porta trasparente davanti) e parte superiore. Tra i loro vantaggi?

Attenuano il rumore di funzionamento, oltre a ridurre l’odore del filamento fuso (che è potenzialmente un problema con la plastica ABS) e forniscono una certa protezione per persone o animali domestici che potrebbero inavvertitamente toccare l’estrusore caldo. Uno svantaggio: tendono ad avere volumi di costruzione più piccoli rispetto alle stampanti 3D a cornice aperta, che hanno meno (spesso, nessun) muri per costringerli.

XYZPrinting da Vinci Mini
Le stampanti 3D a basso costo includono sia modelli a cornice aperta che a cornice chiusa, nonché alcune stampanti stereolitografiche. Se un volume di costruzione relativamente grande è una priorità, è probabile che tu ottenga più risultati con un modello a telaio aperto. I telai aperti hanno alcuni chiari svantaggi per definizione: tendono ad essere rumorosi, emettono odori quando alcune plastiche vengono fuse e forniscono poca protezione a qualcuno che potrebbe toccare l’estrusore caldo.

Inoltre, riconoscere alcuni potenziali aspetti negativi dei frame aperti, a seconda del modello. Alcuni richiedono l’assemblaggio, essendo essenzialmente kit, e la maggior parte richiede più cure di installazione rispetto a una stampante a telaio chiuso, oltre a più manutenzione per mantenerli senza intoppi. Tuttavia, proprio questi tratti non dovrebbero scoraggiare, e potrebbero persino attrarre, gli hobbisti e i bricolage.

Cosa dovrei cercare nel software della stampante 3D e nella connettività?
Sono finiti i giorni in cui i tinkerers dovevano accarezzare

e insieme diversi programmi diversi per far funzionare una stampante 3D. I produttori includono il proprio programma di stampa 3D o modificano una piattaforma esistente come Cura open source, e sono finiti i giorni in cui dovevi scaricare i programmi.

Monoprice Voxel
Il software di stampa 3D svolge tre funzioni principali: elaborare un file oggetto (ridimensionarlo, spostarlo, ruotarlo e in alcuni casi duplicarlo), tagliarlo (in livelli virtuali, in base alla risoluzione scelta) e stamparlo. Questi sono quasi universalmente combinati in un processo senza soluzione di continuità. Alcune stampanti di fascia alta hanno un software che supporta una gamma più ampia di impostazioni che puoi modificare, ma anche le suite più semplici generalmente funzionano almeno ragionevolmente bene.

Più probabile che vari tra il set più economico è la gamma di opzioni di connessione da modello a modello. Quasi tutti hanno una porta USB di tipo A per contenere una chiavetta USB per la stampa da file di documenti. La maggior parte ha anche una porta USB di tipo B per il collegamento diretto a un computer e alcuni offrono anche il Wi-Fi (o in alternativa), mentre una manciata ti consente di connetterti tramite Ethernet per condividere la stampante su una rete locale.

Alcune stampanti supportano la memorizzazione di file 3D su una scheda SD (che può contenere anche i file di sistema della stampante). La maggior parte dei produttori di stampanti 3D (anche quelli scontati) dispone di un’app mobile per avviare e monitorare i lavori di stampa e alcuni forniscono l’accesso ai servizi cloud da cui è possibile stampare.

Mentre le stampanti 3D di fascia alta tendono ad avere un’abbondanza di scelte di connessione, i modelli di sconto variano ampiamente nelle loro scelte. Alcuni sono generosi e altri sono basilari, quindi vale la pena valutare cosa offre un determinato modello.

Cosa dovrei cercare nel supporto del filamento?
Il supporto del filamento tende ad essere un’area chiave che separa i modelli più economici da quelli di fascia alta. (Vedi la nostra guida per comprendere i filamenti di stampa 3D per maggiori dettagli.) Le stampanti 3D economiche tendono a supportare un numero limitato di tipi di filamenti di plastica, alcuni dei quali solo PLA e / o ABS.

Monoprice Voxel
Il PLA (acido polilattico) è un polimero biodegradabile a base vegetale, mentre l’ABS (acrilonitrile butadiene stirene) è la stessa plastica dura di cui sono fatti i Lego. Gli oggetti stampati dall’ABS sono durevoli e non tossici, sebbene il materiale possa essere difficile da lavorare. L’ABS può emettere un odore acre e sgradevole durante la stampa e gli angoli inferiori degli oggetti stampati con esso hanno la tendenza ad arricciarsi leggermente verso l’alto, soprattutto se si utilizza un piano di stampa non riscaldato.

Molte stampanti 3D entry-level ea basso prezzo si attaccano esclusivamente al PLA. Se vuoi sperimentare una più ampia varietà di filamenti, che includono filamenti idrosolubili, compositi intrecciati in legno e metallo e varietà sia resistenti che flessibili, potresti dover pagare di più, sebbene alcuni modelli di sconto supportino una vasta gamma dei materiali.

Dovrei invece prendere in considerazione una penna per stampa 3D?
Sebbene non siano stampanti di per sé, le penne 3D economiche sono molto simili alle stampanti 3D, che utilizzano gli stessi tipi di filamenti e un sistema di estrusione simile, e le includiamo nella categoria della stampa 3D.

Piuttosto che tracciare uno schema programmato, usi la penna 3D in modo molto simile a una penna normale, tranne per il fatto che disegni con plastica fusa. Puoi tracciare un motivo o disegnare a mano libera e persino disegnare in tre dimensioni mentre la plastica si solidifica e si indurisce rapidamente una volta estrusa.

Juku 3Doodler Create + Set penna per stampa 3D
La stragrande maggioranza delle penne 3D costa meno di $ 100 e molte costano $ 50 o meno. A prima vista, le penne 3D possono sembrare giocattoli, ma alcuni artisti e artigiani si sono avvicinati a loro, poiché è possibile creare oggetti piuttosto complicati e belli con loro. Se il tuo obiettivo nella stampa 3D è qualcosa di più vicino al design a mano libera e alla libera espressione rispetto all’output incentrato sul computer, strutturato e ripetibile, potresti provarne uno.

Quindi, quale stampante 3D economica dovrei acquistare?
Acquistare una stampante 3D economica non significa necessariamente un mondo di sacrifici. Molti modelli capaci e affidabili vendono a meno di $ 500 e, sebbene possano non essere ricchi di funzionalità come i loro cugini più costosi, non ha senso pagare per cose che non ti servono.

Molti sperimentatori occasionali di stampa 3D andranno bene con la stampa su un cavo USB o da una pen drive, e attenersi al PLA potrebbe essere la scelta migliore per una stampante 3D iniziale. Se ti concentri solo sulle funzionalità che desideri, potresti rimanere piacevolmente sorpreso da ciò che trovi. Qui presentiamo le migliori stampanti 3D sotto i $ 500 che abbiamo recensito. Per una guida alle nostre stampanti 3D preferite in generale, fai clic qui.

FlashForge Finder Stampante 3D

Stampante 3D Flashforge , Stampante ad...
434 Recensioni
Stampante 3D Flashforge , Stampante ad...
  • La modellazione articolata del design industriale, senza spigoli e angoli, senza componenti ad alta temperatura, con semplice filo: tutto ciò è garanzia di un'esperienza d'uso più sicura
  • Livellazione assistita, promemoria esaurimento del filamento, piastra integrata a scorrimento per un funzionamento più facile

XYZprinting da Vinci

Sconto
XYZprinting Stampante 3D da Vinci Jr. 1.0...
22 Recensioni
XYZprinting Stampante 3D da Vinci Jr. 1.0...
  • Stampante 3D completamente assemblata. Include 300 g di filamento PLA (del valore di £ 12) e strumenti di manutenzione (del valore di £ 15); Dimensioni di stampa: 15 x 15 x 15 cm
  • Compatibilità del materiale: PLA / PETG / PLA robusto/ Legno; Connettività: cavo USB 2.0, SD card; XYZprinting STEAM 3D Curriculo didattico di Stampa

ANYCUBIC i3 Mega-S

Sconto
ANYCUBIC Mega S, Stampante 3d con la Funzione...
1.188 Recensioni
ANYCUBIC Mega S, Stampante 3d con la Funzione...
  • Design estrusore aggiornato: Stampante 3D ANYCUBIC Mega S L'estrusore Taitan fornisce un'estrusione precisa per la stampa 3D con una solida trasmissione del filamento e un design meccanico complessivo compatibile con la maggior parte dei filamenti, riducendo notevolmente il rischio di intasamento e migliorando la precisione di stampa.
  • Riprendi Stampa e Rilevamento del filamento: 3D Printer Mega S può riprendere la stampa dopo un'interruzione di corrente o qualsiasi altro arresto imprevisto. Un clic per riprendere dall'ultima posizione registrata quando si verificano interruzioni di corrente. E il sensore mette in pausa le stampe e fa scattare un allarme quando si esaurisce il filamento, il che consente di risparmiare notevolmente tempo e costi, il volume di stampa raggiunge 8,27 x 8,27 x 8,07 inches.

Comgrow Creality Ender 3

Creality Stampante 3D Ender 3, Alluminio Fai...
309 Recensioni
Creality Stampante 3D Ender 3, Alluminio Fai...
  • Funzionamento dell'asse E: il motore dell'asse E inizierà a funzionare quando la temperatura dell'ugello raggiungerà più di 185 °C, poi prima di iniziare la stampa, non dimenticare di riscaldare prima la temperatura dell'ugello.
  • Funzione di ripresa di stampa: Ender 3 ha la capacità di riprendere la stampa anche dopo un guasto di corrente o un guasto di corrente può essere assemblato in sole 2 ore.

GIANTARM Geeetech A20

Sconto
GIANTARM Nuova Geeetech A20 Stampante...
188 Recensioni
GIANTARM Nuova Geeetech A20 Stampante...
  • 1, In allegato il collegamento che è possibile scaricare il manuale dell'utente e il manuale di assemblaggio della stampante: https://drive.google.com/file/d/1XOVjXFGUpxdLcA9a3lfoKiFAOh7v4y0S/view?usp=sharing
  • 2, installazione veloce: bastano circa 10 minuti per l'installazione dell'asse Z sulla piastra di base XY. Semplice e confortevole.

Longer LK4 Pro

LONGER Touch Screen
268 Recensioni
LONGER Touch Screen
  • 【DESIGN AGGIORNATO DELLA STRUTTURA】 LONGER LK4 Pro utilizza un nuovo profilo di prolunga in alluminio per migliorare la rigidità e la stabilità strutturali. 90% pre-assemblato, le parti complicate come cantilever, gantry e ugello sono state assemblate prima di lasciare la fabbrica. Il letto in vetro temperato garantisce un riscaldamento rapido e una forte adesione.
  • 【ULTRA QUIET DRIVE】 Stampante 3D LK4 Pro è integrata con i moduli drive ultra-silenziosi plug-and-play TMC2208, che rendono la stampa tripla più silenziosa e offrono un ambiente più confortevole per la creazione.

Monoprice MP Voxel

Monoprice MP Voxel 3D Printer, Fully...
345 Recensioni
Monoprice MP Voxel 3D Printer, Fully...
  • Quick change nozzle: unlike other 3D printers, which require tools and 20-40 minutes of work to replace the nozzle, the voxel has a quick change nozzle that allows you to change the nozzle in seconds, without the need for tools of any kind
  • Quick change nozzle: unlike other 3D printers, which require tools and 20-40 minutes of work to replace the nozzle, the voxel has a quick change nozzle that allows you to change the nozzle in seconds, without the need for tools of any kind

Lo Staff consiglia di leggere anche:

I Best Sellers secondo gli utenti Amazon: