Sennheiser HD 660 S Recensione

Sennheiser HD 660 S

Sennheiser è probabilmente un nome di cui ogni singolo amante della musica ha sentito parlare una volta, che si tratti delle loro cuffie epiche o dei loro strumenti di registrazione, in particolare dei loro microfoni di alta qualità che sono iconici ora, sia per gli amanti della musica, i registi e praticamente per chiunque in necessità di apparecchiature di manipolazione audio di alta qualità.

Sennheiser HD 660 S

Sennheiser ha già dimostrato di essere un’azienda molto affidabile e di facile utilizzo, quando in realtà ha aiutato centinaia di persone con il loro IE800, essendo io uno di loro, quando c’erano dei problemi con un primo lotto di IE800. Con un supporto eccezionale e una qualità alle spalle, i prodotti Sennheiser sono generalmente facili da consigliare a chiunque, dal più avido amante della musica a coloro che hanno appena iniziato questo magnifico viaggio.

Va notato che non ho assolutamente alcuna affiliazione con Sennheiser, non ricevo alcun incentivo per questa recensione o per addolcire le cose. Questa recensione non è sponsorizzata né è stata pagata da Sennheiser o da chiunque altro. Vorrei ringraziare Sennheiser per aver fornito il campione per questa recensione.

Il campione è stato fornito insieme alla richiesta di Sennheiser di una revisione onesta e imparziale. Questa recensione sarà tanto oggettiva quanto umanamente possibile e riflette la mia esperienza personale con Sennheiser HD 660 S. Ogni opinione espressa è mia e io la sostengo, lo scopo di questa recensione è aiutare coloro che sono interessati a Sennheiser HD 660 S a trovare il loro prossimo compagno di musica.

Sennheiser è sempre stata piuttosto affascinante con il loro packaging, dall’HD380Pro che ho posseduto circa dieci anni fa, che è arrivato in uno dei pacchetti più belli che ho avuto la possibilità di vedere allora, fino alle loro ultime ammiraglie, come questa Sennheiser HD 660 S, che si presenta in un pacchetto piuttosto complicato, ma ben pensato.

Sennheiser HD 660 S

La scatola principale delle cuffie è realizzata in cartone e al suo interno si trova una custodia rigida per il trasporto, se possiamo chiamarla custodia per il trasporto, ma è più una custodia. È abbastanza robusto e ha una grande quantità di spugna all’interno per proteggere Sennheiser HD 660 Sdurante il trasporto e lo stoccaggio. L’esperienza di unboxing è piuttosto piacevole e sai di avere a che fare con un prodotto di fascia alta quando acquisti Sennheiser HD 660 S.

Quando si tratta del contenuto della confezione, è un po ‘meglio di quanto mi aspettassi. Stai ricevendo Sennheiser HD 660 S, due cavi, uno terminato con un jack a estremità singola da 6,3 mm e uno terminato con un jack bilanciato da 4,4 mm. Sennheiser inserisce un adattatore da 6,3 mm a 3,5 mm in modo da poter utilizzare Sennheiser HD 660 S con la maggior parte dei lettori e delle sorgenti, poiché sia ​​4,4 mm che 6,3 mm sono connettori piuttosto esotici in questo momento.

Ci sono manuali inclusi con Sennheiser HD 660 S, cosa piuttosto adorabile, e c’è un piccolo bonus di 7 giorni di abbonamento bonus a un sito di concerti dal vivo nel pacchetto.

La confezione non include pad di ricambio o qualsiasi altra cosa, cosa che potrebbe essere un po ‘deludente, ma le cuffie sono dotate di tutto il necessario per goderne appieno, e mentre vorremmo vedere almeno un set di pad di ricambio incluso con le cuffie in questa fascia di prezzo, non possiamo lamentarci del fatto che il pacchetto non sia abbastanza buono.

Specifiche tecniche

Impedenza – 150 Ω

Connettore – 6,35 mm / 4,4 mm Pentaconn

Risposta in frequenza – 10 – 41.000 Hz (-10 dB)

Livello di pressione sonora (SPL) – 104 dB a 1 V 1 kHz

Accoppiamento auricolare – Over-ear (circumaurale)

THD + N, distorsione armonica totale e rumore – 0,04% (1 kHz, 100 dB)

Principio del trasduttore (cuffie): dinamico, aperto

Peso senza cavo – Circa. 260 g (senza cavo)

A partire dalla qualità costruttiva, Sennheiser HD 660 Sè abbastanza robusto. Una cosa che sembra davvero diversa quando si passa da Audeze LCD-MX4 a Sennheiser HD 660 S è il peso, Sennheiser HD 660 S è incredibilmente leggero e, anche rispetto a qualcosa di più leggero, come Ultrasone Signature DXP / Signature Studio, si sentono ancora un po ‘più leggeri.

Sennheiser HD 660 S

Ovviamente, questo potrebbe non essere il migliore per tutti gli utenti poiché il peso può aggiungere alla sensazione di rigidità e affidabilità di un prodotto, ma è comunque impressionante che Sennheiser sia riuscita a farcela.

La qualità delle uild include principalmente la plastica, Sennheiser HD 660 S ha alcuni altri materiali che non sono di plastica, come ad esempio i driver, o le griglie sui driver / l’imbottitura, ma questo non dovrebbe essere preso negativamente, poiché ci sono plastiche che possono resistere a quantità estreme di peso e pressione.

L’estetica risulterà in qualche modo familiare a coloro che hanno già visto un HD600 o HD650, poiché Sennheiser HD 660 S è abbastanza simile per forma e design a questi due. La principale differenza più grande è che Sennheiser HD 660 S è disponibile nel colore nero e hanno una superficie opaca, rispetto all’HD650 più lucido. HD66S è anche nero rispetto alle varianti testurizzate / colorate di HD650 e HD600.

La cuffia è principalmente definita da un ampio pad, con il driver al centro. Il driver è protetto da griglie metalliche ed è di dimensioni piuttosto grandi. Il marchio Sennheiser può essere facilmente notato in tutte le cuffie, e questo è abbastanza gradito poiché il loro logo sembra piuttosto elegante e sexy.

Il driver ha più livelli di protezione, ma nessuno di essi sigilla il driver, poiché Sennheiser HD 660 S è una cuffia aperta nella misura più ampia possibile.

In questa nota, sono più aperti di Audeze LCD-MX4 o Beyerdynamic Amiron che abbiamo recensito prima, Sennheiser HD 660 S perde un po ‘più di suono e isolano meno di uno di questi due modelli.

Sennheiser HD 660 S

La vestibilità e il comfort dipendono un po ‘da quanto tempo gli dedichi. Fuori dagli schemi, Sennheiser HD 660 S è abbastanza stretto e la loro vestibilità è abbastanza stretta sulla testa, e anche se questo potrebbe significare che non saranno completamente comodi per nessuna testa, significa anche che sono abbastanza fissati in posizione, puoi sbattere la tua testa un bel po ‘senza che cadano dalla tua testa, e puoi fare un bel po’ di movimento senza paura che cadano.

È un fatto noto che le cuffie della serie HD6XX diventano un po ‘più comode con un po’ di usura, e siamo in grado di confermarlo, dopo averle indossate per alcune settimane possono mettersi così comode che potresti dimenticarti di essere sulla tua testa. La larghezza del padiglione auricolare è abbastanza grande per la maggior parte delle orecchie, ma è un po ‘più piccola di quella di Amiron, ad esempio, che è un po’ più grande. Il materiale del padiglione auricolare, invece, è davvero piacevole al tatto, abbastanza morbido, ma con una texture, che consente un ottimo comfort generale.

Qualità del suono

Le prestazioni sonore Sennheiser HD 660 S sono piuttosto impressionanti, tanto quanto ci si aspetterebbe da un successore degli acclamati HD650 e HD600.

Ci sentiamo come se dovessimo parlare un po ‘di HD600 e HD650 e della loro qualità sonora prima di procedere con la nostra analisi del suono Sennheiser HD 660 S poiché la maggior parte dei lettori è probabilmente piuttosto curiosa anche su questi due.

Sennheiser HD 660 S Cuffia Aperta Dinamica...
564 Recensioni
Sennheiser HD 660 S Cuffia Aperta Dinamica...
  • Cuffia dinamica aperta reference-class
  • Design migliorato, per una distorsione armonica davvero bassa

HD600 è il primo dei tre ad essere entrato nel mercato. Dal punto di vista sonoro, è il più veloce, il più veloce, il più preciso e il più neutro. Il suo suono può essere descritto come per lo più neutro, musicale, molto molto naturale nella gamma media, con alti ben espressi e solo una prestazione sonora complessiva molto impressionante. C’è molto poco da criticare quando si tratta di HD600, ma se c’è qualcosa che alcuni ascoltatori volevano, erano più bassi e un suono più corposo.

È qui che l’HD650 è entrato in scena. L’HD650 è più spesso, più lento, più liscio, più snello e notevolmente più scuro dell’HD600. Alcune persone hanno ritenuto che l’HD650 rispondesse alla loro domanda come la canzone di un angelo, mentre altri, specialmente quelli che erano abbastanza a proprio agio con l’HD600, hanno ritenuto che l’HD650 non fosse proprio il miglioramento che si aspettavano poiché il suono sembrava un po ‘velato e forse anche un tocco scuro in confronto.

Per gli ascoltatori rock e metal, insieme alla maggior parte dei fan della musica elettronica, HD600 era ancora la scelta migliore, hanno mantenuto quel PRaT veloce e la consistenza, insieme ai loro incredibili dettagli e naturalezza e, soprattutto, l’energia. L’HD650, d’altra parte, ha conquistato coloro che trovano un piacere nella musica classica, nell’orchestra e nel Jazz, con la loro natura più liscia e snella, poiché l’HD650 è una cuffia unica se stai cercando di rilassarti e per sentirti euforico con la tua musica.

La firma di base può essere descritta come leggermente scura rispetto a qualcosa di completamente neutro, ma non eccessivamente. È più caldo e più musicale di qualcosa come HD600, ha più dettagli, più chiarezza e ha una definizione migliore di HD650. Sarebbe più una cuffia per soddisfare sia gli utenti che amano HD600 sia coloro che amano HD650, portando avanti il ​​meglio di entrambi i mondi.

A partire dal basso Sennheiser HD 660 S , è un basso chiaro, pulito e scattante. Ha velocità e chiarezza eccellenti, ma lo è

non un basso orientato alla testa di basso. Ha una velocità sufficiente per farti battere i piedi, ha abbastanza corpo per dare alla musica una presentazione interessante, ma non è abbastanza in termini di quantità, essendo abbastanza vicino a quello che sarebbe considerato un basso neutro. Questo non è in alcun modo qualcosa di negativo, e in effetti, potrebbe essere considerato un punto di forza Sennheiser HD 660 S , ma va notato che se desideri grandi quantità di bassi, ci sono cuffie che forniscono quantità di bassi molto più elevate.

La gamma media Sennheiser HD 660 S è abbastanza chiara, ben espressa e naturale. In effetti, questo è stato qualcosa di abbastanza evidente sulle cuffie Sennheiser in generale, e specialmente di questa serie, ma riescono a ottenere un suono davvero realistico per la loro gamma media, cosa che è piuttosto adorabile per qualsiasi tipo di musica tu ” giocherò da loro. Rich è un buon modo per parlare della gamma media dell’HD660S e, anche se preferisci una presentazione leggermente diversa, provare HD660S almeno una volta potrebbe farti aprire gli occhi su una nuova firma.

Quando si tratta degli alti, Sennheiser HD 660 Sè abbastanza energico e luminoso. Questo non è un punto negativo, poiché la luminosità nella musica è abbastanza gradita, specialmente con il rock, il metal, il pop e l’elettronica. C’è un po ‘di grana degli acuti, specialmente se lo paragoni a qualcosa con molta meno grana, come LCD-MX4, ma poi, se sei un fan della musica rock, pop e metal, lo sei quasi sicuramente migliorerai comunque la risposta degli acuti con pochi dB buoni tramite il tuo EQ preferito.

Parleremo un po ‘di più dell’accoppiamento nella sezione di accoppiamento di Sennheiser HD 660 S, ma va notato che consuma un bel po’ di potenza, e anche se è più facile da guidare rispetto ai suoi fratelli maggiori, continuerà a suonare molto meglio da una sorgente desktop, la maggior parte delle sorgenti portatili, anche i migliori lettori di musica digitale, essendo appena sufficiente al limite per ottenere gli stessi risultati di una sorgente desktop.

Ad esempio, con Hiby R6, potresti mantenerlo al 100% del volume, senza alcun EQ attivato, e sentire comunque che non sono abbastanza forti. È ancora più facile da gestire rispetto ai suoi fratelli maggiori, che sono ancora più esigenti quando si tratta delle loro sorgenti, e sia l’HD650 che l’HD600 richiedono un po ‘più di potenza rispetto Sennheiser HD 660 S.

equalizzazione

Anche se non conosciamo l’input di Sennheiser nell’equalizzazione delle loro cuffie, forniamo sempre quelli che siamo in grado di farlo. La cosa principale che abbiamo ritenuto sarebbe stato gradito aggiungere a Sennheiser HD 660 Sera un tocco in più di bassi (e molti più bassi per certi tipi di musica), insieme a più alti. Fortunatamente, la tecnologia del driver Sennheiser è abbastanza buona e può essere equalizzata un po ‘senza perdere la definizione e senza introdurre distorsioni.

I principali profili di equalizzazione che applicheremmo Sennheiser HD 660 Svariavano in base alla sorgente utilizzata e di solito erano così:

31 Hz + 6,3 dB
62 Hz + 3,5 dB
16 kHz + 7 dB

Sennheiser HD 660 S

Tutto il resto viene lasciato al valore predefinito, il master viene solitamente portato almeno a -7dB per evitare il clipping.

È praticamente così, ma varierà molto a seconda delle fonti poiché puoi ottenere una firma molto diversa Sennheiser HD 660 S da fonti diverse, quindi questo profilo non sarà così universale alla fine.

soundstage

Il palcoscenico Sennheiser HD 660 S è aiutato dal fatto che sono completamente aperti, ma il palcoscenico stesso non è grande quanto le altre cuffie aperte sul retro. È piuttosto un palcoscenico più intimo, con una grande esposizione di dettagli e stratificazione ma senza andare molto ampio. La profondità è abbastanza buona.

La cosa principale che definisce Sennheiser HD 660 S quando si tratta del suo palcoscenico sarebbe chiamata naturalezza. Anche se non è così impressionante o così esteso, come fa Sennheiser con la loro serie HD800 (la cuffia dal suono più ampio), la serie HD600 ha una naturalezza che sicuramente funziona bene, specialmente per musica come Jazz, acustica e anche per Rock e Metal , dove il muro del suono è ottenuto abbastanza bene.

La separazione e la stratificazione degli strumenti sono abbastanza buone e alla pari con altre cuffie con un prezzo simile. Lo IE800 di Sennheiser è il luogo in cui consideriamo la migliore stratificazione e separazione degli strumenti, quindi ancora una volta Sennheiser è riuscito a fare cose sorprendenti con altri modelli. Il trucco è che Sennheiser HD 660 S non cerca di essere esattamente la stessa cosa di IE800 o HD800, ma continua da dove l’HD650 e l’HD600 si erano interrotti. Rispetto, HD600 suona in modo simile ampio e profondo, mentre HD650 è più intimo e meno ampio di HD660S.

ADSR / PRaT

L’ADSR e il PRaT (Texturization) di Sennheiser Sennheiser HD 660 S sono abbastanza buoni. Il suono è generalmente scattante e veloce, la risposta ai transienti è abbastanza buona. Poiché ci sono molte misurazioni precise online, puoi avere un’idea abbastanza chiara di come stanno le cose, ma vorremmo notare questo, la risposta ai transienti può cambiare abbastanza con la sorgente, quindi può andare da abbastanza naturale, un po ‘come HD650, piuttosto veloce e strutturato, come HD600. Tendono a suonare un po ‘più raffinati rispetto all’HD600, dove apportano un po’ di raffinatezza rispetto alle trame dell’HD600, ma HD660S di solito rimane davanti all’HD650 in termini di velocità e definizione delle texture.

Sennheiser HD 660 S

Utilizzo portatile

Ora, Sennheiser HD 660 S non è una cuffia portatile. Anche provare a considerarli come tali è sbagliato. Li abbiamo portati in una piccola avventura nell’Izvor Park di Bucarest per testarlo, ma non sono ancora così portatili, probabilmente si adatterebbero meglio alla tua configurazione preferita del desktop e della poltrona.

La caratteristica principale che impedisce loro di essere portatili è che hanno fame di energia, sono difficili da guidare e pignoli riguardo alla fonte, sono dotati di cavi lunghi e può essere un po ‘complicato trovare buoni cavi sostitutivi più corti e i cavi non sono facili da riporre come quelli dell’LCD-MX4 e Sennheiser HD 660 S è completamente aperto.

Laddove anche Audeze LCD-MX4 è in qualche modo portatile, e siamo stati in grado di usarlo portatile, Sennheiser HD 660 S è probabilmente meglio conservarlo e usarlo lì. Il loro abbinamento con AMP e DAC di classe desktop significa che otterrai i migliori risultati in quanto tali, e oltre a iBasso DX200 e DX150 accoppiati con AMP4S e pilotando HD660S in modalità bilanciata da 4,4 mm,

probabilmente rimarremmo con qualcosa che è anche classificato come AMP da desktop, come iFi iDSD Micro Black Label, Burson Play o la serie di amplificatori Sennheiser HDVX.

Il comfort pur essendo indossato per lunghi periodi di tempo è molto buono, e con Sennheiser HD 660 S puoi camminare e anche fare qualche esercizio più pesante senza danneggiarli, o senza sentire alcuna fatica, ed è sicuramente possibile indossarli per periodi di tempo prolungati senza troppi problemi, ma dovresti badare al cavo, che è piuttosto lungo. Non ci sono microfonicità e nessun altro problema che siamo stati in grado di notare, ma l’HD660S non isola dal rumore esterno (affatto) e la maggior parte della musica riprodotta attraverso di essi verrà ascoltata anche all’esterno, quindi sono abbastanza aperti in questo aspetto .

confronti

Sennheiser Sennheiser HD 660 S vs Sennheiser HD600 – Sennheiser vs Sennheiser, Sennheiser HD 660 S sembra una versione più naturale, più raffinata, più matura e più bella dell’originale HD600. È più facile guidare l’HD660S e si adatta alla maggior parte delle situazioni in cui l’HD600 non lo farà, ma l’HD600 ha ancora la corona di essere il più veloce della serie HD6XX di Sennheiser.

Sennheiser HD 660 S vs Sennheiser HD650 – Qui, la differenza è molto più alta e molto di più nel vantaggio di HD660S, poiché HD650 non si sente così raffinato, né così espresso o dettagliato, e come spiegato nelle prestazioni sonore, HD650 si sente leggermente velato, come riportato da alcuni utenti.

Anche se questo velo non è proprio qualcosa da notare se stai ascoltando solo l’HD650, se aggiungi \ HD660S, puoi notare totalmente come tutto diventa più chiaro, più vivido, più dinamico, più espanso in ogni direzione. La morbidezza e il carattere rilassato dell’HD650 sono qualcosa che Sennheiser HD 660 S non ha altrettanto, quindi se hai bisogno delle cuffie assolutamente più fluide e rilassanti del trio HD6XX, allora HD650 è ancora il re in quell’aspetto, ma se tu stai cercando il più versatile, Sennheiser HD 660 S è praticamente la scelta migliore.

Sennheiser HD 660 S Cuffia Aperta Dinamica...
564 Recensioni
Sennheiser HD 660 S Cuffia Aperta Dinamica...
  • Cuffia dinamica aperta reference-class
  • Design migliorato, per una distorsione armonica davvero bassa

Sennheiser HD660S vs Beyerdynamic Amiron – Questo è un confronto molto più divertente da fare poiché Amiron è di Beyerdynamic, e qui le differenze sono molto più facili da notare. Cominciamo con il pacchetto, Sennheiser HD 660 S viene fornito con una scatola di trasporto inferiore, mentre Amiron viene fornito con una scatola di trasporto. I cavi inclusi sono migliori sull’HD660S poiché vengono forniti con un cavo bilanciato, che termina con il jack 4.4, insieme a un cavo single ended.

La qualità dei cavi stessi è abbastanza simile però. La qualità costruttiva è abbastanza simile tra loro, sebbene Amiron abbia parti metalliche nell’archetto, mentre Sennheiser HD 660 S è per lo più realizzato in plastica in quelle aree. Amiron ha un padiglione auricolare molto più grande, è molto più comodo su teste più grandi e orecchie più grandi. Ciò significa anche che Amiron cadrà più facilmente e offre meno forza di serraggio, quindi la tua scelta dovrebbe essere fatta in base alle tue esigenze e preferenze. Le prestazioni sonore sono abbastanza diverse, insieme alla loro accordatura.

L’HD660S suona molto più naturale, più corposo, ha un suono più snello e rilassato, dove Amiron ha una gamma alta più brillante, un suono più profondo con un palcoscenico più ampio e una gamma media più scura. Questo rende Amiron un po ‘più maturo e risulterebbe più adatto per musica come Jazz, Classica, Orchestrale, ma anche pop e alcuni tipi di metal, dove Sennheiser HD 660 S risulta più adatto per Metal, Rock, Pop e altri tipi di musica in cui una gamma media più naturale è più importante.

L’altro aspetto da considerare sono le capacità rivelatrici, c’è una differenza nel modo in cui Amiron e HD660S rivelano le trame, poiché Amiron è più liscia nelle trame, nonostante i loro alti più brillanti, sono lisce e snelle, dove Sennheiser HD 660 S è più granuloso nella alti e hanno un po ‘più di consistenza su tutta la gamma, tendono a fornire un suono più strutturato. Amiron è piuttosto morbido in confronto, morbido, vellutato e rilassante, ma con acuti scintillanti e un suono ampio / profondo, dove l’HD660S si sente più avanti, più strutturato e più personale.

Dalle due, Sennheiser HD 660 S sembra più una cuffia punk / pop, dove Amiron si sente più matura e come una migliore cuffia Jazz / rilassante che mantiene ancora molta eccitazione con la loro scintilla degli acuti.

Sennheiser HD660S vs Ultrasone Signature DXP – Ultrasone Signature DXP è l’ultima cuffia che stiamo cercando in questo confronto e hanno un prezzo piuttosto simile a HD660S. A partire dalla confezione, Sennheiser HD 660 S viene fornito in una custodia da trasporto in pelle, che non ottiene la nostra preferenza sulla custodia di Sennheiser perché non è molto più pratica poiché la pelle è piuttosto sensibile e avrai comunque bisogno di una protezione supplementare.

Sennheiser HD 660 S

Gli accessori inclusi sono paragonabili, poiché Signature DXP viene fornito con due cavi, ma entrambi sono single ended. La più grande differenza nella qualità costruttiva è che Ultrasone Signature DXP è una cuffia chiusa, che è abbastanza facile da guidare, offrendo una serie di scenari di utilizzo completamente diversa rispetto Sennheiser HD 660 S . La qualità di costruzione è abbastanza grande su entrambi, entrambi per lo più in plastica, ma Signature DXP include s

Qualcosa che assomiglia a inserti di vetro nelle coppe delle cuffie. Il design chiuso sul retro è probabilmente meno sensibile all’ambiente. Il comfort è migliore su Sennheiser HD 660 S poiché hanno cuscinetti auricolari più grandi e più profondi, dove Signature DXP si sente più piccolo sulle orecchie, con cuscinetti auricolari leggermente più bassi.

La più grande differenza qui è il tipo di pad, poiché Sennheiser HD 660 S ha un materiale simile al velluto sui padiglioni, dove Signature DXP ha la pelle sui pad. Le prestazioni sonore sono abbastanza diverse, Signature DXP presenta molti più bassi, più tattile, più dinamico, più solido, più veloce e con una migliore struttura, prestazioni di gamma media altrettanto naturali e prestazioni di alti simili.

Nella gamma media e negli acuti, il DXP si sente più snello e fornisce una presentazione più morbida, dove l’HD660S potrebbe sembrare leggermente più migliorato negli alti, con un po ‘più di mordente. La più grande differenza tra i due ci sarà però nei dettagli e nel palcoscenico. Signature DXP ha un enorme palcoscenico, rendendo Sennheiser HD 660 Spiù intimo e personale, dove il DXP si sente abbastanza aperto e ampio. In questa nota, il dettaglio su HD660S è migliore e con un buon margine. In poche parole, sono più rivelatori, offrendo una finestra più trasparente alla musica che viene riprodotta, dove Signature DXP si sente più giocoso e colorato, ma non più dettagliato dell’HD660S.

Gli scenari di utilizzo tra i due saranno piuttosto diversi, ma se sei un bassista, Signature DXP è un’opzione molto migliore rispetto Sennheiser HD 660 S , che sicuramente piacerà di più a chi cerca una cuffia con un basso lineare / neutro. La cosa più importante da tenere a mente è che entrambi suoneranno molto bene la musica e funzioneranno allo stesso modo bene con musica simile, ma se preferisci un’esperienza più ampia, Signature DXP potrebbe essere la scelta migliore, mentre se stai cercando per un’esperienza più dettagliata, più matura e più personale, l’HD660S sarà la scelta migliore. Ci sentiamo come se fossero fatti per persone diverse, ma comunque un buon confronto tra i due.

Abbinamenti consigliati

Sennheiser HD 660 S è piuttosto esigente con il suo AMP e preferirà sorgenti desktop e potenti rispetto a quelle portatili. In effetti, sono così difficili da guidare che pochissimi dei nostri portatili sono stati in grado di farli suonare abbastanza forte per un’esperienza soddisfacente, essendo abbastanza simili ad Amiron in questo aspetto, sebbene Amiron fosse un po ‘più facile da guidare per confronto diretto, Sennheiser HD 660 S è la cuffia più difficile da pilotare che abbiamo recensito fino ad oggi. Funzionano molto bene in modalità bilanciata da 4,4 mm e in modalità single ended, a condizione che tu stia alimentando loro abbastanza potenza.

Sennheiser HD660S + iBasso DX200 / DX150 (AMP5) – Questa è una combinazione piuttosto pratica, perché AMP5 ha un bel po ‘di potenza ed è in grado di pilotare abbastanza bene HD660S, fornendo la versatilità di DX200 e DX150 in un pacchetto piuttosto portatile. L’intera combinazione non è molto economica, ma sicuramente può fornire molto divertimento. Il suono è generalmente ben bilanciato, l’HD660S suona dinamico, ha un buon palcoscenico e separazione degli strumenti, e hanno un suono generale abbastanza veloce e pulito. La risposta ai transienti è abbastanza naturale e le trame sembrano naturali.

Sennheiser HD660S + iBasso DX200 / DX150 (AMP4s) – Questa combinazione ha la stessa versatilità di DX200 e DX150 combinata con AMP5, ma hanno un connettore bilanciato da 4,4 mm. Il connettore bilanciato non è proprio il motivo per cui suonerebbero in modo diverso, ma riteniamo che la differenza nella sonorità risieda nella diversa architettura dell’amplificatore, nei condensatori migliorati e nella diversa configurazione di potenza.

Fondamentalmente, non sosteniamo il concetto che Balanced è sempre migliore di Single ended, ma in questa situazione ci piace un po ‘il connettore bilanciato nativo da 4,4 mm e il suono è più vivido, più dinamico e ha un tocco in più di dettaglio rispetto AMP5, che è ancora abbastanza eccezionale. La variazione AMP4S di iBasso è anche leggermente più calda, più semplice e leggermente più snella, quindi è necessario tenerne conto. Poiché l’HD660S potrebbe aver bisogno di più bassi, questo è un gradito miglioramento.

Sennheiser HD660S + iFi iDSD Black Label Micro – iDSD Micro Black Label è piuttosto il campione quando si tratta di guidare l’HD660S. Il picco di acuti più luminoso di iDSD Micro BL si aggiunge all’ariosità e al morso degli acuti di HD660S, cosa che è abbastanza gradita e aiuta a portare più vita in loro, e i bassi potenti, e in particolare la funzione X-Bass, aiuteranno coloro che cercano un basso più suono con HD660S. Va notato che iDSD Micro BL richiede una sorgente separata, in quanto si tratta di un DAC / AMP, quindi è necessario tenere conto del costo di un altro dispositivo quando si pianifica la configurazione di ascolto.

Sennheiser HD660S + Burson Play – Burson Play è un piccolo fantastico dispositivo creato da Burson, un’azienda piuttosto amata e conosciuta. Play è per lo più un DAC / AMP di livello audiofilo, modulare e integrabile per desktop e soprattutto per PC desktop. La sua potenza è abbastanza adatta per HD660S ed è un buon modo per dimostrare che HD660S può suonare abbastanza bene con una corretta configurazione di classe desktop. La bellezza di Burson Play deriva dal fatto che puoi integrare

valutalo nella configurazione del tuo PC, in modo da poter collegare l’HD660S o qualsiasi altra cuffia di livello audiofilo direttamente nella tua stazione di battaglia e goditi un suono di livello audiofilo senza avere più dispositivi sulla scrivania o sul tavolo. Le prestazioni sonore sono abbastanza variabili con Burson Play, in quanto consente all’utente di modificare i suoi OP-AMP, ma la configurazione più semplice offre un suono caldo e morbido, con un palcoscenico abbastanza buono, che si abbina bene con HD660S.

Valore e conclusione

Alla fine della giornata, probabilmente ti starai chiedendo dove sia diretta la linea HD6XX e riteniamo che sia diretta verso la grandezza. Sennheiser ha mostrato grande rispetto per i propri clienti e ha mostrato miglioramenti organici con le richieste dei loro clienti quando hanno rilasciato l’HD660S, che è una cuffia più versatile sia dell’HD600 molto pulito, ma leggermente clinico, sia dell’HD650 troppo snello e troppo fluido . Hanno semplicemente realizzato una cuffia migliore di entrambe, una che non solo le migliori entrambe, ma sarà anche difficile da battere per molto tempo a venire, poiché i suoi predecessori sono stati cuffie iconiche per molti anni finora.

Innanzitutto, dobbiamo considerare il valore che l’HD660S ha al momento della stesura di questa recensione. Vendono per circa 500 USD nella maggior parte del mondo, il che li pone in concorrenza diretta con cuffie piuttosto sorprendenti come Beyerdynamic Amiron / DT1990Pro e Ultrasone Signature DXP / Signature Studio.

Il contenuto della confezione del pacchetto Sennheiser HD660S è abbastanza buono, vengono forniti con due cavi, uno dei quali termina con una connessione bilanciata da 4,4 mm, attualmente il nostro tipo preferito di connettore bilanciato. Sono inoltre dotati di un adattatore da 6,3 a 3,5 mm, quindi puoi collegarli praticamente a qualsiasi cosa, ma consumano un po ‘di energia, quindi alla fine richiederanno un’adeguata amplificazione di classe desktop per la maggior parte degli utenti. Non vengono forniti con cuscinetti di ricambio o un archetto di ricambio, ma la qualità dei cuscinetti e dell’archetto è abbastanza buona e non ci aspettiamo che qualcuno richieda presto dei ricambi.

Laddove l’HD600 originale e l’HD650 erano cuffie che hanno resistito per anni, riteniamo che la nuova HD660S sarà anche una cuffia per scuotere a lungo il mondo degli amanti della musica. La firma sonora di Hd660S prende il meglio di entrambi i mondi, il meglio del suono di HD600 e il meglio del suono di HD650, e rende una cuffia migliore di entrambi, con la velocità e la risoluzione di HD600, la naturalezza e la riproduzione sonora senza sforzo di HD650, con i bassi più romantici dell’HD650 e con gli acuti più brillanti e il suono più arioso / ampio dell’HD600.

Fondamentalmente, le migliori entrambe e diventano una cuffia completamente nuova, più versatile, più portatile, più comoda e meglio costruita rispetto all’amata HD600 o alla romantica e rilassante HD650.

Se stai cercando una cuffia over-the-ear con apertura sul retro in questa fascia di prezzo, ci sono alcune opzioni disponibili, me anche Beyerdynamic ora ha versioni wireless del loro Amiron, quindi hai davvero dove scegliere da, ma se vuoi provare una cuffia con il pedigree di Sennheiser e se non hai mai sentito l’HD600 o l’HD650, allora questa è la tua occasione per un’esperienza ancora migliore, con l’HD660S appena rilasciato.

Inoltre, se possiedi già l’HD600 o l’HD650 e se stai cercando di aggiornarlo, questa è la tua occasione, poiché riteniamo che la maggior parte delle persone troverà HD660S la cuffia più versatile e dal suono migliore rispetto a uno dei suoi amati predecessori.

Sennheiser HD 660 S Cuffia Aperta Dinamica...
564 Recensioni
Sennheiser HD 660 S Cuffia Aperta Dinamica...
  • Cuffia dinamica aperta reference-class
  • Design migliorato, per una distorsione armonica davvero bassa

Lo Staff consiglia di leggere anche:

I Best Sellers secondo gli utenti Amazon: