Recensione Samsung Galaxy Note 10 Lite: S Pen magnifica

Quando è stato rivelato che Samsung avrebbe realizzato due versioni dell’ammiraglia Galaxy Note nel 2019, una delle quali un po ‘più economica dell’altra, abbiamo pensato che avesse senso . Con i prezzi degli smartphone di punta in costante aumento, il Note 10 più piccolo era un’ottima opzione per coloro che desideravano l’esperienza S Pen. Ovviamente, a un prezzo di partenza di $ 950, il Galaxy Note 10 era tutt’altro che economico, e sembra che Samsung lo abbia capito.

Questo è probabilmente il motivo per cui nel frattempo il gigante coreano stava lavorando per portare l’esperienza S Pen a un prezzo ancora più basso. Il Galaxy Note 10 Lite è diventato ufficiale un paio di settimane fa come la versione più economica del Galaxy Note 10. Presenta la stessa S Pen che ha debuttato con il Galaxy Note 9 e Samsung ha ridotto il costo di ingresso riutilizzando alcuni vecchi componenti , come il processore Exynos 9810 del Note 9 e la fotocamera posteriore del Galaxy Note 8.

Il Note 10 Lite è inoltre dotato di alcune funzionalità moderne, come un display Infinity-O, una fotocamera ultra-ampia, supporto per la ricarica super veloce da 25 W per la sua batteria da 4.500 mAh e il software più recente pronto all’uso. Tutto questo si unisce per formare un pacchetto che vale il prezzo richiesto? Scopriamolo.

Samsung Galaxy Note 10 Lite – Design

Il design del Samsung Galaxy Note 10 Lite è un mashup dei design del Samsung Galaxy Note 10+ e del Samsung Galaxy S20 + insieme ad alcune variabili uniche inserite.

Cominciamo con la qualità costruttiva. Il Galaxy Note 10 Lite ha un telaio in alluminio e un retro in plastica lucida, che Samsung chiama “Glasstic”. Questa è una combinazione interessante. Il telaio in alluminio è lucidato per sembrare il vetro e anche il retro in plastica lucida sembra simile al vetro a distanza. È solo quando tieni in mano il telefono che puoi notare la differenza tra plastica e vetro. La finitura in plastica lucida qui sembra più calda del vetro lucido utilizzato sui telefoni di punta di Samsung e sui concorrenti in questo segmento di prezzo.

Non c’è dubbio che la plastica lucida utilizzata qui si sente meno pregiata persino del vetro lucido, per non parlare del vetro opaco. In questo segmento di prezzo, le ammiraglie più convenienti e i telefoni di fascia media superiore utilizzano il retro in vetro. Il retro in plastica del Galaxy Note 10 Lite è sia un vantaggio che uno svantaggio. Sembra meno premium, ma è anche più durevole . 

La plastica non ha le caratteristiche di rottura del vetro. In assenza di alluminio, la decisione di Samsung di tagliare i costi in questo aspetto ha un certo senso. Dipende dalle priorità dei consumatori qui. Per fortuna, la vestibilità e la finitura del telefono sono buone come ci si può aspettare, con angoli leggermente arrotondati. La parte posteriore in plastica è l’unico inconveniente discutibile qui. Tuttavia, avrei preferito una finitura in plastica opaca.

Sul fronte, il Galaxy Note 10 Lite utilizza lo stesso design del Galaxy Note 10+ e del Galaxy S20 +. Ha cornici minime su tutti i lati, con una fotocamera frontale da 32 MP perforata posizionata al centro vicino alla parte superiore del display. Le cornici stesse non sono così sottili come il Galaxy S20 + o il Galaxy Note 10+, ma vanno bene per questo segmento di prezzo. Con un rapporto schermo-corpo dell’86,6%, il Galaxy Note 10 Lite si trova nel livello superiore. L’auricolare è posizionato sul telaio superiore.

Sia i pulsanti del volume che il pulsante laterale si trovano sul lato destro del telefono. Il lato sinistro contiene il vassoio SIM, che è della varietà ibrida (dual nano-SIM o nano-SIM + microSD), come previsto. 

Sono presenti due microfoni. Il jack per cuffie da 3,5 mm, che non è presente nella serie Samsung Galaxy Note 10, serie Samsung Galaxy S20 e persino nel Samsung Galaxy S10 Lite ( recensione ), è presente qui. 

È posizionato nella parte inferiore, insieme alla porta USB 2.0 Type-C e all’altoparlante inferiore. L’auricolare noraddoppia come altoparlante secondario. 

L’involucro della S Pen si trova sul lato destro del fondo. In termini di sensazione dei pulsanti, i pulsanti del Galaxy Note 10 Lite svolgono un lavoro ammirevole poiché la loro rigidità e forza di azionamento vanno bene. La disposizione dei pulsanti del volume non è l’ideale, poiché sono posizionati un po ‘troppo in alto sul lato destro.

Gli angoli curvi e arrotondati lasciano il posto alla parte posteriore, dove troviamo la configurazione della tripla fotocamera (12MP + 12MP + 12MP). È posto in un recinto quadrato. Questo telefono è stato rilasciato prima della serie Galaxy S20 e l’involucro della fotocamera prefigura quello del design della fotocamera dell’S20. 

Mentre il Galaxy S20 e il Galaxy S20 + sono dotati di alloggiamenti per fotocamere rettangolari, il Galaxy Note 10 Lite va con uno quadrato più semplice, con tre fotocamere e un flash LED posizionato simmetricamente all’interno. Questo design è diverso da quello del Galaxy Note 10+ e sembra che Samsung lo stia standardizzando in futuro. Esteticamente, sembra piacevole sul Galaxy Note 10 Lite a causa della simmetria. Un logo Samsung e un testo normativo completano ciò che resta.

Il Galaxy Note 10 Lite è disponibile in tre colori: Aura Black, Aura Glow e Aura Red. Il colore nero è una finitura lucida standard, mentre il colore Aura Glow è il tentativo di Samsung di assumere le finiture sfumate che sono diventate così popolari nel 2018 e nel 2019. Ho ricevuto la variante Aura Red per la revisione, che utilizza una singola tonalità di rosso. 

Come previsto, non è il colore che ottieni se non vuoi che il tuo telefono si distingua. La finitura Aura Red del Galaxy Note 10 Lite è più tenue di qualcosa come il colore rosso di OnePlus 7 , ma si distingue comunque, il che può essere sia una cosa buona che una cosa cattiva a seconda di dove ti trovi. Esteticamente, penso sia giusto dire che il colore Aura Glow è l’opzione migliore.

In termini di ergonomia, il Galaxy Note 10 Lite fa una buona impressione. Il suo peso di 199 grammi è equilibrato, il suo spessore è abbastanza mediocre e sebbene il display 20: 9 da 6,7 ​​pollici sia alto, è sorprendentemente maneggevole nella mano. Il telefono si sente notevolmente meno denso sia di OnePlus 7 Pro che di OPPO Reno 10x Zoom, ed è facile usare il telefono per lunghi periodi senza stancare le mani.

Nel complesso, Samsung ottiene molto bene con il design del Galaxy Note 10 Lite. Il dorso in plastica è un downgrade in termini di sensazione, ma un aggiornamento in termini di durata. Perdi la resistenza all’acqua certificata IP68, che è davvero un aspetto negativo. Purtroppo, però, non è una caratteristica comune a questo prezzo. L’estetica combinata della fotocamera a perforazione centrale, le cornici piuttosto piccole ei lati leggermente curvi rendono questo design un successo sia in termini di aspetto e sensazione che di ergonomia.

La confezione del Galaxy Note 10 Lite contiene un “Super Fast Charger” USB-C PD 3.0 da 25 W con PPS, un cavo da USB Type-C a Type-C, auricolari generici da 3,5 mm e una custodia in plastica trasparente. L’azienda non include nella confezione un cavo da USB Type-C a Type-A. Capisco perché il tipo C è necessario per USB-C PD 3.0, ma non avrebbe fatto male a Samsung raggruppare anche un cavo di tipo A, che avrebbe consentito agli utenti di collegare il telefono a qualsiasi PC con un tipo USB- Un porto. La decisione è accettabile considerando il taglio dei costi per arrivare a questo prezzo, ma qui c’è spazio per miglioramenti.

Display del Galaxy Note 10 Lite

Il Galaxy Note 10 Lite non ha un display AMOLED di punta, ma è comunque abbastanza buono. Lo schermo ha i soliti punti di forza dell’AMOLED: ampi angoli di visione, neri profondi e colori vivaci. È impostato sulla modalità schermo Naturale immediatamente, quindi non è eccessivamente vivido, ma puoi modificarlo dalle impostazioni del display a seconda delle tue preferenze. Anche i livelli di luminosità sono piuttosto alti e non erano un problema quando utilizzavo il telefono in pieno sole.

Il ritaglio del foro nella parte superiore del display è più piccolo del foro sul Galaxy Note 10 e Note 10+ e sul Galaxy S10 Lite. È di dimensioni simili al foro sul Galaxy A51 e, a meno che non odi davvero qualsiasi tipo di foro sul display del telefono, inizierai a ignorare il ritaglio in pochissimo tempo. Le cornici, come menzionato nella sezione del design sopra, sono piuttosto minime e aiutano a rendere l’uso con una sola mano più facile di quanto ci si aspetterebbe da un display da 6,7 ​​pollici.

Il Note 10 Lite potrebbe non essere un fiore all’occhiello, ma quando usi la S Pen, scorre sullo schermo con la stessa fluidità degli smartphone Galaxy Note di punta. La mancanza di curve sul display è utile anche quando si utilizza la S Pen per scrivere o disegnare vicino ai bordi, quindi questo è uno per i puristi dello schermo piatto. Per quanto riguarda il lettore di impronte digitali in-display, è un nuovo sensore ottico che troviamo anche su Galaxy S10 Lite e Galaxy A51. È abbastanza veloce rispetto ai sensori ottici utilizzati da Samsung l’anno scorso ed è anche molto più preciso.

Penna S per Galaxy Note 10 Lite

Ah, la S Pen. Lo stilo di Samsung è rimasto ineguagliato dalla concorrenza nei nove anni da quando è stato introdotto con il primo Galaxy Note. La S Pen è stata uno strumento eccellente per prendere appunti e liberare il tuo lato artistico, e il Note 10 Lite ti offre la stessa identica esperienza dello stilo del Galaxy Note 9 e, per la maggior parte, del Galaxy Note 10, a un prezzo più conveniente prezzo.

La S Pen è abilitata per Bluetooth, quindi può essere utilizzata come telecomando all’interno di varie app. Puoi cambiare diapositive in una presentazione PowerPoint, mettere in pausa e riprodurre video, scattare foto e passare dalla fotocamera anteriore a quella posteriore e altro ancora premendo una o due volte il pulsante S Pen. È possibile assegnare un collegamento a una pressione prolungata del pulsante per avviare un’app o una qualsiasi delle funzionalità della S Pen, come Traduci e Selezione intelligente .

Quando rimuovi la S Pen dal suo slot, puoi iniziare subito a scrivere sullo schermo senza dover accendere il telefono e sbloccarlo grazie alla funzione  Screen off memo  . La S Pen ha anche tutte le funzionalità software che vedi sul Galaxy Note 9 e Note 10. Puoi catturare uno screenshot e quindi scrivere o disegnare su quello screenshot usando  Screen write , tradurre le parole sullo schermo passando con il mouse su di esse usando Translate , disegna messaggi animati utilizzando i messaggi in tempo reale, ingrandisci il contenuto sullo schermo utilizzando Ingrandisci e altro ancora.

Nell’app Samsung Notes, puoi anche tradurre istantaneamente le note scritte a mano con la S Pen in testo utilizzando la funzione di conversione del testo. L’unica cosa che manca sul Note 10 Lite è il supporto per le azioni Air del Note 10 , che ti consente di eseguire varie attività premendo il pulsante S Pen e facendo scorrere lo stilo in diverse direzioni – ad esempio, sfiorandolo verso l’alto o verso il basso puoi controllare il volume del dispositivo. Ma  Air Actions è più un espediente che qualcosa di veramente utile, quindi non averlo sul Galaxy Note 10 Lite non è un problema.

Se sei una persona che ama disegnare e non ha ancora provato la S Pen su uno smartphone Galaxy Note, di seguito sono riportati quattro disegni realizzati da mia moglie sul suo Galaxy Note 9 che dovrebbero dirti quanto sia capace la S Pen.

Samsung Galaxy Note 10 Lite – Prestazioni della fotocamera

Specifiche della fotocamera

Il Samsung Galaxy Note 10 Lite ha una fotocamera principale da 12 MP con sensore Sony IMX333, dimensioni del sensore 1 / 2,55 “, dimensioni pixel 1,4 micron, apertura f / 1,7, lunghezza focale equivalente 27 mm, Dual Pixel PDAF e stabilizzazione ottica dell’immagine (OIS ). La fotocamera ultra grandangolare da 12 MP ha un’apertura f / 2.2 e una lunghezza focale di 12 mm. Il teleobiettivo da 12 MP ha un sensore da 1 / 3,6 “, dimensioni pixel di 1,0 micron, lunghezza focale di 52 mm, zoom ottico 2x e OIS.

Cominciamo con il sensore primario. La fotocamera principale da 12 MP è il sensore Sony IMX333, che è stato utilizzato nelle varianti Snapdragon del Samsung Galaxy S8 e Samsung Galaxy Note 8 serie nel 2017. Ciò significa che si tratta di un sensore di tre anni. Nel 2018, Samsung è passata a un sensore impilato con un dado DRAM nel Galaxy S9, consentendo la registrazione al rallentatore a 960 fps. 

Il Galaxy Note 10 Lite ha una registrazione al rallentatore a 960 fps, ma utilizza l’interpolazione. Inoltre non ha una doppia apertura di f / 1.5 ef / 2.4, in quanto opta per un’apertura fissa più semplice di f / 1.7. La serie Galaxy S20 rimuove anche in particolare la funzione di doppia apertura, che era stata una caratteristica delle ammiraglie di Samsung sin dal Galaxy S9. Le implicazioni della rimozione di questa funzionalità non sono così grandi come potrebbero sembrare, abbastanza sorprendentemente.

La fotocamera ultra grandangolare da 12MP è diversa dalla fotocamera ultra grandangolare da 16MP delle serie Samsung Galaxy S10 e Galaxy Note 10. Poiché ha una risoluzione inferiore, la dimensione dei pixel è salita a 1,12 micron, che è una buona mossa per le foto in condizioni di scarsa illuminazione. 

Non ha l’autofocus. Il teleobiettivo da 12 MP ha un vero teleobiettivo, invece della fotocamera secondaria da 64 MP del Galaxy S20, che in realtà non ha un teleobiettivo. Il teleobiettivo del Galaxy Note 10 Lite sembra essere stato sollevato da quello del Galaxy S10 e del Galaxy Note 10. La sua lunghezza focale di 52 mm consente uno zoom ottico 2x e l’inclusione di OIS è benvenuta.

Sulla carta, la configurazione della fotocamera più tradizionale del Galaxy Note 10 Lite si confronta bene con quella del Galaxy S10 Lite. L’S10 Lite ha una fotocamera principale da 48 MP ad alta risoluzione, ma salta sulla fotocamera del teleobiettivo a favore di una fotocamera macro, che è probabilmente meno versatile. 

Il trio di fotocamere da 12MP del Galaxy Note 10 Lite è, quindi, più vicino alle più costose serie Galaxy S e Note. Sì, è deludente vedere Samsung riutilizzare un sensore della fotocamera di tre anni fa. L’elaborazione delle immagini è altrettanto importante in questi giorni, quindi vediamo come regge il Galaxy Note 10 Lite.

App fotocamera ed esperienza utente

L’app della fotocamera del Galaxy Note 10 Lite è simile a qualsiasi telefono Samsung dotato di One UI 2.0. Per maggiori dettagli, controlla la nostra recensione del Galaxy S10e . Samsung ha spostato alcune opzioni e ha rimosso la funzionalità granulare di poter scegliere la modalità fotocamera predefinita. 

La funzionalità principale rimane la stessa, tuttavia. L’unica differenza fondamentale è che il Galaxy Note 10 Lite non ha una funzione Labs per acquisire video HDR10 +, a differenza dei suoi cugini più costosi. Ha una registrazione video 4K a 60 fps e gli utenti possono registrare video in formato HEVC. 

Allo stesso modo, le foto possono essere scattate nel formato HEIF. Altre caratteristiche dell’app Samsung Camera, come Live Focus, Scene Optimizer, Shot Suggestions, Ultra-wide Lens Correction e RAW, vengono mantenute qui.

Anche l’esperienza utente della fotocamera del Galaxy Note 10 Lite è eccezionale. L’app si apre velocemente. La messa a fuoco e le velocità dell’otturatore sono eccellenti grazie al Dual Pixel PDAF, il che significa che l’autofocus anche in condizioni di scarsa illuminazione non è un problema.

Il frame rate dell’anteprima della fotocamera diminuisce in condizioni di scarsa illuminazione e anche l’anteprima è più scura di quanto dovrebbe essere. Questi sono problemi minori, però. Ho sentimenti neutri nei confronti dello Scene Optimizer di Samsung. 

Aumenta la saturazione e l’esposizione, ma l’acquisizione intrinseca della gamma dinamica del Galaxy Note 10 Lite non è così alta da rendere questo un problema. Per la maggior parte, rimane fuori mano e non ha un impatto negativo sull’esperienza utente della fotocamera.

Valutazione della qualità dell’immagine – Luce diurna

Fotocamera principale da 12 MP

Alla luce del giorno, la fotocamera principale da 12 MP del Galaxy Note 10 Lite scatta foto abbastanza buone. Non è un top performer, ma è vicino al livello superiore nella sua fascia di prezzo. In termini di esposizione, gamma dinamica, bilanciamento del bianco, precisione del colore, è stato un po ‘deludente, ma non del tutto inaspettato, vedere che il Galaxy Note 10 Lite si inserisce sotto la fotocamera principale da 12 MP del Galaxy S10e. 

Non è un granché di un confronto serrato; il Galaxy S10e cattura semplicemente una gamma molto più dinamica grazie al suo nuovo sensore, e quindi le sue foto hanno molto più del “fattore wow”. Significa che alcune delle foto alla luce del giorno del Galaxy Note 10 Lite possono essere descritte come “noiose”. Rispetto ai suoi concorrenti di prezzo, il Galaxy Note 10 Lite è inferiore a OnePlus 7 Pro e OPPO Reno 10x Zoom in termini di esposizione e gamma dinamica. È una fotocamera Samsung Galaxy Note, sì,

In termini di conservazione dei dettagli, il Galaxy Note 10 Lite è ancora una volta clamorosamente nella media. Le sue foto sono solo leggermente peggiori di quelle del Galaxy S10e qui, ma il fatto è che la conservazione dei dettagli del Galaxy S10e non era eccezionale in primo luogo. 

L’elaborazione delle immagini di Samsung ha ancora problemi poiché i dettagli minimi sono macchiati a favore di foto senza rumore, che è fondamentalmente la decisione sbagliata da prendere nelle fotocamere. Ciò significa che l’effetto della pittura a olio è visibile in alcuni campioni. L’OPPO Reno 10x Zoom è avanti qui, così come OnePlus 7 Pro. Inoltre, Samsung continua a levigare i dettagli del viso. 

Questo è un problema pervasivo tra le fotocamere degli smartphone dell’azienda ed è persino presente nell’ammiraglia Galaxy S20 +, quindi non sarò troppo duro con il Galaxy Note 10 Lite qui. Però,

Nel complesso, la fotocamera da 12 MP del Galaxy Note 10 Lite potrebbe sembrare uguale a quella del Galaxy Note 10+, ma non lo è. A causa del sensore più vecchio, la fotocamera non è in grado di tenere il passo con i suoi cugini più costosi in termini di esposizione, acquisizione della gamma dinamica e persino conservazione dei dettagli. 

Tuttavia, le differenze non comprendono cumulativamente una differenza “notte e giorno”, il che è un punto positivo a favore del Galaxy Note 10 Lite. Il Google Pixel 3a sembra ancora essere il campione della qualità dell’immagine in questa fascia di prezzo grazie al sensibile algoritmo di riduzione del rumore di Google. Anche altri concorrenti di prezzo sono in grado di competere o sono migliori con la fotocamera del Galaxy Note 10 Lite qui.

Fotocamera ultra grandangolare da 12MP

La fotocamera ultra grandangolare da 12MP, d’altra parte, si comporta bene. Non ero molto soddisfatto dell’ultra grandangolo da 16 MP del Galaxy S10e in termini di conservazione dei dettagli. Impressionante, il Galaxy Note 10 Lite si comporta meglio qui. 

La quantità di dettagli acquisiti non è ancora alla pari con quella del sensore principale, come previsto. Il modulo ultra ampio è una fotocamera divertente con cui giocare e nel 2020 è uno strumento essenziale per le fotocamere dei telefoni di fascia media e di punta. 

La lunghezza focale di 12 mm fornisce una copertura molto ampia e la correzione dell’obiettivo può essere abilitata nelle impostazioni per correggere l’inevitabile distorsione che risulterà da una copertura così ampia. La fotocamera ultra grandangolare del Galaxy Note 10 Lite è in realtà migliore dell’OPPO Reno 10x Zoom, con OnePlus 7 Pro che è un concorrente stretto.

Teleobiettivo da 12 MP

Il teleobiettivo da 12 MP è una fotocamera standard per quanto riguarda i teleobiettivi. Apprezzo il suo utilizzo anche se non è utile come un modulo ultra grandangolare. Lo zoom ottico 2x è migliore dello zoom digitale, quindi sono felice di sfruttare la maggiore flessibilità. 

In termini di dettaglio per pixel, il teleobiettivo del Galaxy Note 10 Lite non è buono come il teleobiettivo con zoom 3x di OnePlus 7 Pro. Il modulo di zoom ottico periscopio 5x di OPPO Reno 10x Zoom offre uno zoom a lungo raggio, ma ha i suoi vincoli. Va notato che l’esposizione e la gamma dinamica della fotocamera con teleobiettivo sono diverse da quelle della fotocamera principale. Apple ha capito tutto questo e Samsung deve seguire le orme di Apple.

Qualità dell’immagine per interni

La qualità dell’immagine per interni del Galaxy Note 10 Lite è molto più impressionante della qualità dell’immagine alla luce del giorno. In scatti in interni ben illuminati, può tenere il passo o anche meglio con la concorrenza sui prezzi. Nelle foto in interni scarsamente illuminate, soddisfa i requisiti. 

Questo perché può fare affidamento sulla modalità notturna di Samsung, che è una delle migliori modalità notturne del settore. Con la modalità notturna abilitata, gli scatti in interni del Galaxy Note 10 Lite sono molto più dettagliati rispetto a OnePlus 7 Pro, OPPO Reno 10x Zoom e alla gamma di altri concorrenti di prezzo. 

La modalità notturna di Samsung richiede 4-5 secondi, ma il tempo di attesa ne vale la pena in quanto si traduce semplicemente in foto molto più dettagliate e con una migliore esposizione. Con la modalità notturna, il Galaxy Note 10 Lite è una fotocamera competente per interni, anche se la sua cattura della luce intrinseca è inferiore a quella delle fotocamere concorrenti a causa del vecchio sensore.

Le fotocamere ultra grandangolari e teleobiettive sono di uso limitato qui. Per fortuna, la modalità notturna può colmare alcune delle carenze della fotocamera ultra grandangolare e può portare a buone foto. D’altra parte, il teleobiettivo si arrende completamente in situazioni di scarsa illuminazione a favore dello zoom digitale, come previsto. La modalità notturna non può essere utilizzata con il teleobiettivo.

Nel complesso, il Galaxy Note 10 Lite scatta splendide foto in interni che spesso sono migliori delle foto scattate da ammiraglie a prezzi accessibili. Il vantaggio di Samsung nell’elaborazione delle immagini in modalità notturna paga qui.

Valutazione della qualità dell’immagine – Luce scarsa

Lo slancio che il Galaxy Note 10 Lite ha nelle foto di interni si trasferisce alle foto in condizioni di scarsa illuminazione all’aperto. L’elaborazione delle immagini di Samsung dovrebbe essere difettosa alla luce del giorno, ma in condizioni di scarsa illuminazione è maturata molto. 

Le foto in condizioni di scarsa illuminazione catturano una discreta quantità di luce e gamma dinamica anche senza la modalità notturna. In termini di conservazione dei dettagli, Samsung è molto più avanti di OnePlus qui, poiché OnePlus 7 Pro semplicemente non riesce a tenere il passo, anche dopo tutti i suoi aggiornamenti. OPPO è più vicino con lo zoom Reno 10x ed è un concorso uniforme, ma è ancora un punto positivo a favore del Galaxy Note 10 Lite.about:blank?upapi=trueANNO DOMINI

Con la modalità notturna abilitata, il Galaxy Note 10 Lite non è all’altezza del Night Sight di Google Pixel 3a , ma il divario non è così grande. La modalità notturna di Samsung salva tutti i dettagli che erano stati precedentemente sbavati e illumina anche le foto. 

Non è buono come Night Sight, ma nella triste assenza dei telefoni Huawei, è la prossima migliore opzione per Android. La modalità notturna consente al Galaxy Note 10 Lite di scattare foto davvero fantastiche in condizioni di scarsa illuminazione. La conservazione dei dettagli, l’esposizione, la precisione del colore, il bilanciamento del bianco e la gamma dinamica sono tutti gestiti bene. 

È una svolta sorprendente dall’inizio del 2019, quando Samsung non aveva una modalità notturna manuale in tempo per il lancio del Galaxy S10, e di conseguenza ha sofferto nelle recensioni. La nuova modalità notturna dell’azienda può fare miracoli per i telefoni di fascia media come il Galaxy Note 10 Lite.

Nel complesso, il Galaxy Note 10 Lite si comporta molto bene nella fotografia in condizioni di scarsa illuminazione. Sì, ha i suoi difetti e, ad esempio, non competerà con un Huawei P30 Pro . Inoltre scende al di sotto dell’ammiraglia Galaxy S20 + di una quantità significativa, ma è previsto. Per il prezzo, il telefono ha una fotocamera competente per gestire le foto al buio.

Valutazione della qualità video

Il Galaxy Note 10 Lite può registrare video fino a 4K a 60 fps. Come previsto, EIS è disabilitato nelle modalità a 60 fps. È difficile dire se OIS è abilitato nei video a 60 fps. I video a 30 fps sono notevolmente più stabili dei video a 60 fps grazie a EIS. I video possono essere ripresi sia con la fotocamera ultra grandangolare che con la fotocamera teleobiettivo. 

Anche la modalità Super Steady, vista per la prima volta sul Galaxy S10, ritorna, utilizzando la fotocamera ultra grandangolare per stabilizzare i video più di quanto lo standard EIS sarebbe normalmente.

I video 4K a 60 fps hanno EIS disabilitato, il che significa che sono tremolanti. Hanno un bit rate di 71 Mbps. Autofocus, esposizione, dettagli e gamma dinamica sono tutti buoni sul Galaxy Note 10 Lite. Questi video non corrisponderanno ai video del Galaxy S10, ma le differenze sono piccole. 

Non utilizzare questa modalità in condizioni di scarsa illuminazione a causa della sottoesposizione. Lo stesso vale per i video 1080p a 60 fps, poiché oltre alla risoluzione e al bit rate (28 Mbps), hanno le stesse caratteristiche.

I video 4K a 30 fps, registrati con un bit rate di 48 Mbps, hanno EIS abilitato. L’EIS di Samsung è una delle migliori soluzioni sul mercato e non ho grosse lamentele. Il FOV è ridotto, come previsto. Alla luce del giorno, questa modalità funziona bene, ma i miglioramenti nei dettagli rispetto a 1080p non sono distintivi a prima vista, poiché sono più vantaggiosi per la visualizzazione su display 4K e per scopi di ritaglio. I video 1080p sono i più piccoli in termini di dimensione del file, che è prevista in quanto hanno una velocità in bit di 14 Mbps.

Il vero problema per la registrazione video del Galaxy Note 10 Lite è la scarsa illuminazione. Gli utenti normalmente si aspettano che le modalità a 30 fps funzionino bene per la registrazione di video in condizioni di scarsa illuminazione. 

Tuttavia, il Galaxy Note 10 Lite cade a terra qui, poiché la sua registrazione video in condizioni di scarsa illuminazione è atroce. I video in condizioni di scarsa illuminazione, sia 4K che 1080p a 30 fps, hanno troppo rumore. Sono abbastanza luminosi, ma la riduzione del rumore è così grave che deve essere menzionata. 

OnePlus 7 Pro e OPPO Reno 10x Zoom potrebbero avere video leggermente più scuri, ma la loro riduzione del rumore è competente sia in 1080p che in 4K. In poche parole, sono molto migliori per questo compito. Anche i telefoni più economici batteranno il Galaxy Note 10 Lite qui.

Altre funzioni come la registrazione video ultra grandangolare e teleobiettivo funzionano bene. Puoi anche cambiare telecamera direttamente durante la registrazione. La modalità Super Steady ha un’ottima stabilizzazione, ma la qualità del video stessa è molto peggiore del video registrato dal sensore principale. Nel complesso, sono molto deluso dal Galaxy Note 10 Lite qui. 

I suoi vantaggi sono trascinati giù dalla scarsa registrazione video in condizioni di scarsa illuminazione. Questo può sembrare un caso d’uso di nicchia, ma ha implicazioni anche per la registrazione di video in interni. È un problema che Samsung deve risolvere il prima possibile.

Samsung Galaxy Note 10 Lite – Audio

Il Samsung Galaxy Note 10 Lite ha un jack per cuffie da 3,5 mm. Sì, questo è sufficiente per renderlo una raccomandazione non qualificata nell’aspetto audio. Questo perché anche le ammiraglie economiche stanno iniziando a saltare il jack per le cuffie. OPPO Reno 10x Zoom, OnePlus 7T, e Realme X50 Pro hanno scelto di rinunciare al jack per le cuffie a favore dell’audio USB Type-C e dell’audio Bluetooth. 

Il Galaxy S10 Lite è caduto preda della stessa malattia, ma il Galaxy Note 10 Lite è sfuggito. Ha ancora un jack per cuffie e averlo è un’ulteriore comodità in questi giorni. Anche se un jack per cuffie non è personalmente importante per te, non toglie nulla al resto del telefono , indipendentemente da ciò che le aziende potrebbero dirti.

Anche l’altoparlante rivolto verso il basso del Note 10 Lite è alla pari con i suoi concorrenti di prezzo. È abbastanza rumoroso, ma una vera soluzione per altoparlanti stereo (altoparlante inferiore + auricolare) sarebbe stata migliore. In una nota separata, Samsung continua a fornire un’opzione per adattare il suono alle orecchie dell’utente. Questo è applicabile all’audio cablato. Il telefono supporta la modalità accessorio audio per la porta USB Type-C.

Prestazioni Galaxy Note 10 Lite

Il chipset Exynos 9810 che alimenta il Galaxy Note 10 Lite potrebbe essere stato introdotto due anni fa, ma poiché era un chip di punta, è invecchiato abbastanza bene. Il Galaxy Note 10 Lite funziona alla grande nell’uso quotidiano, che si tratti di aprire app, passare da un’app all’altra o navigare nell’interfaccia utente in generale. Può anche gestire tutti i titoli di gioco con grafica pesante, come PUBG e Fortnite (che in realtà ha debuttato su Android con il Galaxy Note 9  alimentato da Exynos 9810) senza sudare.

Ho visto un po ‘di balbuzie nelle animazioni dell’interfaccia utente e durante il passaggio da un’app all’altra, ma sembra essere dovuto a una mancanza di ottimizzazione, poiché non ho notato gli stessi balbettii su un Galaxy Note 9 con Android 10 e One UI 2.0. Devo menzionare che il dispositivo che ho testato aveva 8 GB di RAM ed è difficile dire se questi balbettii saranno più pronunciati sulla variante da 6 GB di RAM. Nel complesso, le prestazioni sono eccellenti e notevolmente migliori rispetto ai telefoni di fascia media Samsung.

Software Galaxy Note 10 Lite, qualità audio

Il Galaxy Note 10 Lite esegue Android 10 e One UI 2.0 fuori dagli schemi, proprio come il Galaxy S10 Lite, Galaxy A51 e Galaxy A71. Poiché il software su questo telefono è lo stesso del software sul Galaxy S10 Lite, puoi leggere la nostra  recensione di S10 Lite per tutti i dettagli. Se vuoi la versione breve: questa è la suite software completa che ti offre tutte le funzionalità che vedi sui telefoni di punta di Samsung.

Dovresti anche controllare la recensione del Galaxy S10 Lite per i dettagli sulla qualità audio del Note 10 Lite, poiché è la stessa anche su entrambi i telefoni. L’unica differenza tra i due è che il Note 10 Lite ha un tradizionale jack per cuffie da 3,5 mm.

Samsung Galaxy Note 10 Lite – Durata della batteria e ricarica

Il Samsung Galaxy Note 10 Lite è alimentato da una batteria da 4.500 mAh (tipica) / 4.370 mAh (minima). Questa capacità della batteria è in realtà superiore sia al Galaxy Note 10 standard che al Galaxy Note 10+ di fascia alta, il che è bello da vedere. D’altra parte, il Galaxy Note 10 Lite è alimentato da un SoC Exynos 9810 di vecchia generazione, che non è noto per la potenza o l’efficienza energetica. Quindi come si comporta il telefono in termini di durata della batteria?

Dopo averlo usato per un mese, posso dire che la batteria del Galaxy Note 10 Lite è ottima senza essere eccezionale. Una capacità della batteria di 4.500 mAh dovrebbe idealmente tradursi in sette-otto ore di tempo sullo schermo, ma l’inefficienza dell’Exynos 9810 significa che il telefono è in grado di supportare solo da sei a sei ore e mezza di tempo sullo schermo. 

Di per sé, quella cifra è buona. La batteria del telefono dovrebbe durare un giorno nella maggior parte delle condizioni. È notevolmente migliore della durata della batteria del Galaxy S10e, poiché il tempo di attivazione dello schermo è almeno del 20-30% in più su questo telefono. 

La batteria del Galaxy Note 10 Lite è anche leggermente migliore di quella di OnePlus 7 Pro, ma OPPO Reno 10x Zoom li batterà entrambi. In una nota correlata, Samsung ha zoppicato la pagina delle statistiche della batteria in One UI 2.0, rendendo molto più difficile visualizzare il tempo di attivazione dello schermo dall’ultima ricarica completa poiché ora viene calcolato su base giornaliera. Questo dovrebbe essere annullato il prima possibile a mio parere.

In termini di ricarica, Samsung ha zoppicato la serie Galaxy S10 spedendola solo con Adaptive Fast Charge da 15 W. Con la serie Galaxy Note 10, l’azienda è finalmente passata alla ricarica super veloce da 25 W, basata sul protocollo USB-C PD 3.0 con PPS. Il Galaxy Note 10 Lite non supporta la ricarica a 45 W a differenza del Galaxy Note 10+, ma come hanno scoperto i revisori, non importa comunque. 

Questo perché la ricarica da 45 W sul Galaxy Note 10+ e il Galaxy S20 Ultra non è diversa dalla ricarica da 25 W per la stragrande maggioranza del periodo di ricarica. Samsung ha una solida motivazione per mantenere un protocollo di ricarica standardizzato in quanto riduce la frammentazione del caricabatterie, sebbene ci siano ancora delle sfumature da tenere a mente qui. 

Allo stesso modo, non si può negare che soluzioni di ricarica personalizzate come la ricarica SuperVOOC 2.0 di OPPO da 65 W. (su cui si basa la ricarica da 65 W di Realme) sono molto più veloci della ricarica USB-C PD 3.0 di Samsung.

Il Galaxy Note 10 Lite è ancora in una buona posizione, però. Con il caricabatterie da 25 W incluso, ci vuole circa un’ora per caricare dal 15% al ​​100% per la sua capacità della batteria di 4.500 mAh. 

È abbastanza buono per la stragrande maggioranza degli utenti. In una nota a parte, il telefono non dispone di ricarica wireless. Questo è un punto debole se sei un utente attivo di caricabatterie wireless e OnePlus 8 verrà lanciato presto anche con il supporto per la ricarica wireless. Samsung ha fatto troppi tagli ai costi qui? Ancora una volta, ciò dipende dalle esigenze dei consumatori.

Conclusione

I consumatori alla ricerca di un flagship conveniente hanno molte scelte in questi giorni, almeno nei mercati degli smartphone cinesi e indiani. C’è OnePlus 7 Pro e OnePlus 7T, così come il Redmi K20 Pro. Realme X50 Pro e iQOO 3 fanno parte della prima ondata di telefoni alimentati da Snapdragon 865. 

Samsung era notevolmente assente in questo mercato nel 2019, poiché i telefoni della serie A dell’azienda potevano essere classificati solo come fascia media superiore, non come ammiraglie economiche. Con il Galaxy S10 Lite, l’azienda ha finalmente coperto questa debolezza. Il Galaxy Note 10 Lite, d’altra parte, è più un telefono di nicchia che ha senso per un particolare sottoinsieme del mercato.

In termini di design, il Galaxy Note 10 Lite lascia buone impressioni in quanto lo spessore e il peso sono entro limiti accettabili. La natura lucida del retro in plastica è un aspetto negativo e il vetro come materiale premium avrebbe avuto più senso in un’ammiraglia economica. D’altra parte, la natura centrata della fotocamera frontale perforata è un punto positivo. La natura simmetrica dell’involucro della telecamera posteriore garantisce inoltre l’assenza di stranezze visive.

Il display del Galaxy Note 10 Lite non è all’altezza degli standard elevati dell’eredità Galaxy Note. È un pannello di fascia media sotto molti aspetti. La modalità Alta luminosità è benvenuta e Samsung non commette errori importanti con la precisione del colore. Tuttavia, l’elevato cambiamento di colore angolare e la mancanza di un pannello ad alta frequenza di aggiornamento a questo prezzo è deludente da vedere.

Dal punto di vista delle prestazioni, non ci sono molti punti positivi sul Galaxy Note 10 Lite. Si mostra costantemente di essere più passi dietro le ammiraglie convenienti del 2019, per non parlare di quelle del 2020. Il SoC Exynos 9810 non avrebbe dovuto arrivare su questo telefono, ed è il principale difetto che impedisce all’esperienza dell’utente di essere buona come potrebbe essere. 

Lo Snapdragon 855, come visto sul Galaxy S10 Lite, sarebbe stata una decisione sensata. Anche l’Exynos 9820 avrebbe avuto un senso. Come è attualmente, il Galaxy Note 10 Lite ha CPU, sistema, GPU e prestazioni del mondo reale deludenti. L’unica cosa che redime è che il jank riscontrato nell’interfaccia utente è relativamente minore, ma è lì se lo cerchi.

Gli aspetti positivi della tripla fotocamera posteriore del Galaxy Note 10 Lite sono maggiori dei suoi negativi. Gli aspetti positivi sono che pubblica risultati eccezionali in termini di qualità dell’immagine in interni e fotografia in condizioni di scarsa illuminazione. 

Alla luce del giorno, tuttavia, non presenta alcun vantaggio rispetto alla concorrenza poiché è frenato da un sensore più vecchio, portando a una cattura della gamma dinamica più debole e una minore conservazione dei dettagli. In termini olistici, è ancora un’ottima fotocamera grazie all’elaborazione delle immagini di Samsung in condizioni di scarsa illuminazione, completata da una modalità notturna ben implementata. 

I risultati relativamente medi della luce diurna sono compensati dalle eccellenti foto in condizioni di scarsa illuminazione, il che significa che è una configurazione più versatile. Anche le fotocamere ultra grandangolari e teleobiettive sono abbastanza buone per il prezzo.

Il telefono si mantiene bene anche in termini di registrazione video alla luce del giorno sia in 1080p che in 4K, ma inciampa gravemente nella registrazione video in condizioni di scarsa illuminazione a causa della scarsa riduzione del rumore. La scarsa registrazione video in condizioni di scarsa illuminazione significa che il telefono è inferiore ai suoi concorrenti di prezzo sotto questo aspetto. Questo può essere risolto con un aggiornamento del software e, si spera, dovrebbe essere fatto.

Gli alti e bassi del Galaxy Note 10 Lite continuano con l’aspetto audio. Ha un jack per cuffie da 3,5 mm, che si distingue positivamente nel mercato di fascia medio-alta 2020. Anche gli altoparlanti sono al di sopra della media, quindi questa è un’area in cui il telefono non ha grandi punti deboli.

In termini di software, One UI 2.0 continua a distinguersi come una delle migliori interfacce utente sul mercato, con un set di funzionalità molto ampio, un’interfaccia utente intuitiva e una buona tipografia. È diverso da Android 10 di serie, ma la maggior parte delle modifiche è in meglio.

La S Pen è dove arriviamo per il punto di forza del Galaxy Note 10 Lite. Sì, offre. Per coloro che non l’hanno mai provato prima, la S Pen sarà un’esperienza positiva. Per gli utenti che devono avere uno stilo, il Galaxy Note 10 Lite offre una delle migliori implementazioni dello stilo su smartphone sotto forma di S Pen. 

Il dominio di Samsung qui è così completo che anche otto anni dopo il lancio del Galaxy Note originale, nessun produttore di dispositivi Android ha seriamente pensato di sfidare la società in un testa a testa nello spazio dello stilo. 

Huawei ha la M Pen per i suoi tablet e Motorola ha lanciato un Moto G Stylusper gli acquirenti di fascia media, ma questi non sono riusciti a dare alcun motivo di preoccupazione a Samsung. L’integrazione della S Pen, la maturità delle funzionalità e la qualità di esecuzione delle funzionalità la rendono unica sul mercato.

Il SoC Exynos 9810 impedisce al telefono di utilizzare la sua batteria da 4.500 mAh al massimo del suo potenziale, ma alla fine della giornata, la durata della batteria è ancora abbastanza buona. La maggior parte degli utenti non dovrebbe avere problemi a far durare il telefono un giorno con una carica completa. Anche la ricarica super veloce da 25 W è una funzione utile.

In India, il Galaxy Note 10 Lite è venduto in due varianti: 6 GB di RAM / 128 GB di spazio di archiviazione per ₹ 38.999 ($ ​​530) e 8 GB di RAM / 128 GB di spazio per ₹ 41.999 ($ ​​570). Il telefono non è venduto negli Stati Uniti, ma è arrivato in Europa e in altri mercati internazionali. La variante SoC è la stessa per tutte le regioni. Quanto è buona la proposta di valore del telefono? Ci sono due modi per vederlo.

Per gli utenti di S Pen, un Galaxy Note è un must. In questo modo, le uniche alternative al Galaxy Note 10 Lite sono il Galaxy Note 10 standard e il Galaxy Note 10+. Il Galaxy Note 10 ha un display più piccolo da 6,3 pollici e costa ₹ 69.999 ($ ​​950) per la variante di archiviazione da 8 GB di RAM / 256 GB. Il Galaxy Note 10+, d’altra parte, ha un display 19: 9 da 6,8 pollici più grande (più area dello schermo) e costa un enorme ₹ 79,999 ($ ​​1085) per la variante di archiviazione da 12 GB di RAM / 256 GB, rendendolo il doppio costoso come il Galaxy Note 10 Lite.

Il Galaxy Note 10 standard fornirà un livello laterale dell’esperienza S Pen principale grazie al display più piccolo e curvo, anche se la sua S Pen è una generazione più recente. Gli utenti fedeli di Galaxy Note saranno anche più interessati al Galaxy Note 10+ e non al più piccolo e compatto Galaxy Note 10. Per gli utenti interessati a un Galaxy Note a grande schermo, il Galaxy Note 10+ e il Galaxy Note 10 Lite sono le opzioni. 

Se paghi due volte l’importo per il Galaxy Note 10+, otterrai un design migliore con una migliore qualità di costruzione (cornici più piccole, retro in vetro), risoluzione più grande e più alta e display di migliore qualità, un SoC più veloce con prestazioni migliori nel mondo reale (Exynos 9825), fotocamere posteriori leggermente migliori, fotocamera frontale molto migliore, ricarica wireless, ricarica wireless inversa, resistenza all’acqua certificata IP68 e una S Pen più recente con caratteristiche più ingannevoli.

Dovrebbe essere evidente, quindi, che il Galaxy Note 10+ non vale il doppio (₹ 40.000 in più) del prezzo del Galaxy Note 10 Lite. Né il Galaxy Note 10 standard vale il premio di ₹ 30.000 rispetto al Galaxy Note 10 Lite. Gli utenti che sono interessati solo alla S Pen e possono convivere con i downgrade delle funzionalità e il taglio dei costi sono consigliati per ottenere il Galaxy Note 10 Lite. È  l’  unica opzione per un telefono dotato di stilo in questa fascia di prezzo.

E se non fossi interessato alla S Pen, o la considerassi una funzionalità di nicchia che verrà usata raramente? Samsung ti indirizzerebbe quindi felicemente verso il Galaxy S10 Lite, che è un’ammiraglia economica per uso generale più competente poiché le prestazioni del suo sistema e della GPU sono sostanzialmente migliori. Il Galaxy Note 10 Lite ha una configurazione della fotocamera posteriore più versatile rispetto al Galaxy S10 Lite. 

Ha anche una migliore qualità dell’immagine in condizioni di scarsa illuminazione rispetto alla maggior parte della concorrenza sui prezzi di altri produttori di dispositivi, ma i suoi concorrenti di prezzo hanno prestazioni molto migliori, display migliori, ricarica più veloce e design migliori. La decisione finale dipende da quale di questi aspetti i consumatori danno la priorità di più.

Gli acquirenti di punta a prezzi accessibili possono quindi dirigersi verso OnePlus 7T o uno qualsiasi degli altri telefoni di punta a prezzi accessibili come Realme e iQOO, mentre gli utenti Samsung possono dirigersi verso il Galaxy S10 Lite. 

Gli aspiranti utenti della S Pen vorranno raddoppiare il Galaxy Note 10 Lite anche se Samsung ha indebolito la sua proposta di valore generale per gli utenti non S Pen. Vorrei che fosse più un’ammiraglia economica e competente per tutti gli usi. Così com’è, può essere consigliato incondizionatamente solo per la base di utenti dello stilo del mercato degli smartphone.

Lo Staff consiglia di leggere anche: