Come scegliere le cuffie (metodo 2020)

Come scegliere le cuffie

Cosa cerchi in cuffie e auricolari? Sebbene ci siano molti modelli tra cui scegliere, l’uso pianificato dovrebbe aiutare notevolmente a restringere le scelte.

Come scegliere le cuffie? L’hai capito.
Di tutti i gadget di tutti i giorni che hanno un impatto sulla qualità della vita, le cuffie sono vicine o in cima alla lista. Corriamo con loro, li portiamo a letto, li indossiamo su treni e aerei – alcuni di noi addirittura mangiano, bevono e vanno a dormire sotto le cuffie. Il punto? Una buona coppia migliora la qualità della tua vita. E una coppia non così buona? Non così tanto.

Come scegliere le cuffie

Quindi resta con noi qui e nei prossimi 5-10 minuti elimineremo la confusione, ti aiuteremo a restringere le tue scelte e forse anche ad aprire gli occhi e le orecchie. E se stai solo cercando accessori per cuffie o vuoi saltare avanti per vedere un elenco dei nostri preferiti, fallo: ci vediamo più in basso.

La qualità del suono, ovviamente, è importante per tutti; ma per alcuni, i bassi potenti sono un must dove altri preferiscono una riproduzione aperta e full-range che enfatizza l’accuratezza complessiva. Altri fattori includono isolamento, comfort, peso, portabilità e vestibilità, di cui parleremo di seguito.

Hai bisogno di cuffie o auricolari da collegare a un lettore portatile di qualche tipo per un ascolto occasionale? O stai cercando un set di cuffie di riferimento degne di studio per il monitoraggio delle registrazioni? La seguente discussione sui diversi tipi di cuffie e auricolari e sulle loro applicazioni ti fornirà le conoscenze di base necessarie per scegliere il modello giusto per il tuo scopo

Capire cosa significano le specifiche per cuffie e auricolari
Il modo migliore per valutare le cuffie è ascoltarle. Ascolta un po ‘di musica per chitarra acustica o pianoforte: sentirai facilmente la differenza tra buono e non così buono. Ma due cuffie che suonano in modo molto diverso spesso avranno caratteristiche simili.

Probabilmente la specifica più semplice e più utile è il prezzo. In generale, la qualità e le prestazioni sono fortemente correlate al prezzo. La dimensione del driver è una specifica importante, specialmente se vuoi bassi potenti. In genere, più grande è il driver, maggiore è la sua capacità di riprodurre le basse frequenze.

Specifiche come gamma di frequenza, sensibilità, ecc. Possono essere utili per gli acquirenti consapevoli che decidono tra cuffie da studio di fascia alta, ma non particolarmente utili per un acquirente meno esperto che sceglie tra cuffie di fascia bassa. Un modo più utile per scegliere tra tipi, modelli e marchi è leggere sia le recensioni professionali online che le recensioni dei clienti sul nostro sito web.

Come scegliere tra cuffie e auricolari
In generale, le cuffie di fascia alta sono necessarie per lavori audio professionali critici come la registrazione e il missaggio. Detto questo, ci sono molte cuffie di fascia media che offrono prestazioni per soddisfare le esigenze dei musicisti con home studio e budget modesti.

Come scegliere le cuffie

Gli auricolari, spesso chiamati anche auricolari o cuffie in-ear, sono in genere inclusi con i lettori mp3 portatili. Sono spesso sostituiti dai consumatori con modelli di migliore qualità che forniscono un suono e un comfort migliori.

Gli auricolari di qualità consumer non devono essere confusi con cuffie e auricolari in-ear di qualità professionale progettati per applicazioni come il monitoraggio di spettacoli dal vivo e altri usi di ascolto critici.

Gli auricolari Microdriver Shure SE215 producono un suono estremamente dettagliato con una migliore risposta dei bassi.

Per aiutarti a scegliere tra le numerose possibilità, classifichiamo comodamente cuffie e auricolari / auricolari in base a queste due applicazioni di base.

Risposta in frequenza zuccherata vs. piatta
Quando ascolti lo stesso materiale con cuffie diverse, sentirai differenze dovute in parte a “addolcimento”. L’addolcimento si riferisce all’equalizzazione delle cuffie per migliorare il suono della musica. Nelle cuffie con il retro aperto e in molti auricolari, ad esempio, le frequenze dei bassi possono essere enfatizzate per contrastare la naturale fuoriuscita dei bassi attraverso la parte posteriore aperta o il condotto uditivo.

La maggior parte delle cuffie da ascolto in generale sono addolcite in qualche modo. Esistono due modalità di dolcificazione comuni: Free Field (FF) e Defined Field (DF). Il primo simula un ambiente di ascolto aperto senza riflessioni e il secondo simula un ambiente di ascolto chiuso come una stanza. Per l’ascolto critico come il monitoraggio di un mix, non vuoi affatto addolcire, ma piuttosto una risposta in frequenza piatta che ti consenta di confrontare e impostare i livelli con precisione.

Tipi di cuffie
Circumaurale: questo tipo di cuffia può essere chiuso o aperto. Il termine circumaurale si riferisce a come coppa l’orecchio. I modelli circumaurali sono a volte indicati come “cuffie sopra l’orecchio”.

La loro imbottitura circonda l’orecchio e forma un sigillo. Queste cuffie sono generalmente comode e i modelli chiusi forniscono isolamento dai suoni esterni e impediscono la fuoriuscita dei suoni delle cuffie. Un design circumaurale è una buona scelta per le applicazioni di registrazione e per i DJ che hanno bisogno di monitorare la musica in ambienti rumorosi.

Come scegliere le cuffie

Le cuffie da studio Shure SRH440 hanno un design circumaurale chiuso per un isolamento eccellente.

Sovraurale: le cuffie di questo design sono simili alle cuffie circumaurali, tranne per il fatto che invece di circondare l’orecchio, si appoggiano su di esso. Di solito queste cuffie sono più leggere e quindi più comode. Ma poiché non sigillano bene come le cuffie circumaurali, non isolano anche i suoni.

Aria aperta: denominate anche cuffie aperte, possono essere circumaurali o sovraurali, ma la parte posteriore di ciascun auricolare è aperta, consentendo al suono di fuoriuscire liberamente in entrambe le direzioni.

Poiché non sono isolanti, non sono una buona scelta per le applicazioni in studio di registrazione. Se utilizzato da un cantante, ad esempio, il suono delle cuffie può fuoriuscire ed essere captato dal microfono influenzando la registrazione finale. La loro qualità positiva è un suono aperto e arioso che non affatica le orecchie, il che li rende una buona scelta per l’ascolto generale.

Semi-aperto: questo tipo di cuffia, come suggerisce il nome, rientra tra un design completamente aperto e un design chiuso. Sebbene possano verificarsi alcune perdite di suono, ce ne sono meno rispetto a un design aperto. Le cuffie semiaperte di solito offrono un campo stereo realistico, una bassa distorsione e una risposta estesa alle basse frequenze. Sono spesso utilizzati per la registrazione dove non ci sono microfoni aperti per captare il suono che fuoriesce da loro.

Chiuso o sigillato: questo tipo offre il massimo isolamento acustico. I dorsi degli auricolari sono completamente chiusi, il che, insieme a un’efficace tenuta attorno all’orecchio, impedisce al suono di passare in entrambe le direzioni. Questo design è particolarmente adatto per il monitoraggio ad alto volume

ambienti e per l’uso in registrazione perché impediscono al suono di fuoriuscire e di essere captato dai microfoni. Inoltre tendono ad avere una forte risposta dei bassi, quindi i DJ che mixano musica dance li preferiscono. Al rovescio della medaglia, possono causare affaticamento dell’orecchio se usati per lunghi periodi.

Pacchetti di cuffie da studio: dotare una casa o uno studio di progetto di cuffie sufficienti per registrare un’intera band può comportare un investimento considerevole. Nella maggior parte dei casi sarà necessario anche un amplificatore per cuffie per amplificare e distribuire il segnale del mix a ciascun musicista. Lavorando con produttori di cuffie audio professionali, Musician’s Friend ha assemblato una raccolta di pacchetti di cuffie che raggruppano più cuffie con un amplificatore per cuffie. Questi pacchetti offrono un notevole risparmio rispetto al costo dei singoli componenti.

Come scegliere le cuffie

Cuffie portatili: sono le cuffie open-air, leggere, solitamente dotate di padiglioni in schiuma e utilizzate con lettori portatili. Spesso quelli forniti con i lettori sono economici e potresti volerli sostituire con cuffie di qualità migliore di un tipo simile.

Sono leggeri, il che li rende ideali per un uso attivo, e quelli migliori possono suonare in modo fantastico. Poiché ti consentono di ascoltare suoni esterni come quel camion della spazzatura in fuga che ti colpisce, sono adatti per l’uso quando è importante ascoltare ciò che accade intorno a te.

Auricolari: le cuffie Earbud offrono il massimo in termini di portabilità e leggerezza. Si adattano all’orecchio e formano un sigillo che isola il suono in modo che solo tu lo ascolti. Le cuffie di tipo auricolare di migliore qualità offrono un’eccellente qualità del suono, il che è notevole considerando i loro piccoli driver.

Tuttavia, la risposta dei bassi può essere debole in alcuni modelli, specialmente quelli che si adattano male al condotto uditivo. Alcuni modelli hanno punte intercambiabili per fornire una migliore vestibilità nel condotto uditivo.

Cuffie e auricolari con cancellazione del rumore: come molti pendolari sanno, ascoltare la musica mentre si viaggia in auto, in treno o in aereo è reso difficile dal livello generale di rumore di fondo. Per gli ascoltatori critici, questo può essere frustrante perché offusca le sfumature della musica.

Le cuffie con cancellazione del rumore sono progettate per rimuovere il rumore di fondo. Lo fanno per mezzo della tecnologia di cancellazione di fase. Alcuni modelli incorporano la tecnologia Bluetooth per comodità senza cavi e connettività con computer e smartphone.

Cuffie wireless: il vantaggio di non avere cavi è ovvio: sei libero di spostarti mentre ascolti. Operano su tre tipi fondamentali di tecnologia: infrarossi, RF e varie tecnologie digitali, incluso Bluetooth. I modelli a infrarossi hanno una distanza di ricezione inferiore e richiedono un orientamento in linea di vista rispetto al trasmettitore dell’unità base.

In genere offrono anche la qualità del segnale più bassa. I modelli RF trasmettono ulteriormente e funzionano attraverso i muri, ma il rumore e la qualità del suono possono essere problemi. Il wireless digitale converte i segnali in un segnale codificato digitalmente, quindi le cuffie lo convertono di nuovo in analogico. Questo tipo è più privo di rumore rispetto a infrarossi e RF, ma più costoso. Richiedono inoltre alimentazione per il trasmettitore e batteria per le cuffie.

Come scegliere le cuffie

Cuffie per DJ: ci sono un certo numero di cuffie destinate all’uso da parte dei DJ. Di solito si tratta di cuffie circumaurali chiuse progettate per l’isolamento. Molte sono cuffie standard a due tazze, ma i DJ usano anche cuffie a un solo lato con una sola tazza.

Ciò consente loro di ascoltare simultaneamente il loro mix e la stanza. In genere le cuffie per DJ sono più rumorose, quindi possono essere ascoltate a livelli sonori ambientali elevati. Molti hanno padiglioni rotanti per il massimo comfort e cavi staccabili e sostituibili. Generalmente le cuffie DJ sono costruite in modo robusto per sopportare l’usura dovuta a un uso intenso e ai viaggi.

Cosa cercare quando si scelgono le cuffie
Vestibilità e comfort
Il comfort è importante. Qualsiasi cuffia si sentirà bene se indossata brevemente, ma se indossata per lunghi periodi, molte diventano scomode. Indossa le cuffie per almeno 20 minuti prima di decidere sul comfort. Più grandi sono i padiglioni auricolari, meglio è quando si scelgono cuffie circumaurali chiuse. Per le cuffie che poggiano sull’orecchio, più piccolo è meglio e l’imbottitura in tessuto o in pelle può ammorbidire la pressione.

Le cuffie Sennheiser HD 280 PRO sono chiuse, bloccano i rumori esterni forti e impediscono al suono di fuoriuscire.

Il peso è un fattore di comfort a lungo termine: nella maggior parte dei casi, le cuffie più leggere sono più comode. Per lunghi periodi di ascolto, le cuffie portatili super leggere con cuscinetti in schiuma sono l’ideale.

Anche l’archetto influenza il comfort. La maggior parte delle cuffie ha un cerchietto sopra la testa, ma sono disponibili anche modelli dietro la nuca. Gli auricolari eliminano completamente il cinturino, quindi sono più a loro agio in questo senso. Qualunque sia il tipo di fascia, vuoi che sia regolabile. Un’altra caratteristica per migliorare il comfort è la coppa rotante, specialmente sui telefoni over-the-ear. Puoi adattarli alla tua testa per ridurre le perdite e aumentare il comfort.

portabilità
Di solito la portabilità non è un problema: per ascoltare durante l’attività fisica, scegli il portatile leggero

bles progettati a tale scopo. Per il tradizionale lavoro in studio stazionario, vengono solitamente utilizzati circumaurali chiusi più pesanti. Oggigiorno, tuttavia, i computer portatili e le interfacce compatte hanno reso la registrazione sul posto più popolare. Questa applicazione richiede cuffie chiuse, con coppa sigillata e più voluminose. I modelli pieghevoli sono più portatili e proteggono le cuffie durante il trasporto. È saggio avere una sorta di custodia per le cuffie di registrazione se devono viaggiare.

durabilità
Vuoi che le tue cuffie durino. Sfortunatamente, la durata spesso equivale a un peso maggiore. Le cuffie leggere possono essere appoggiate o spezzate a metà più facilmente. Devi solo stare attento con loro e metterli in una custodia protettiva quando non sono sulla tua testa. Se sono pieghevoli, controlla le cerniere per la robustezza. I cavi sono robusti o sottili e delicati? Se stai acquistando cuffie a un prezzo più alto, scopri se sono disponibili parti di ricambio. È molto più economico sostituire un cavo o gli auricolari piuttosto che sostituire un intero set.

cavi
Assicurati che il cavo sia abbastanza lungo per la tua situazione. Ma evita un cavo eccezionalmente lungo se possibile perché può influire negativamente sulla qualità del suono abbassando il volume e introducendo rumore, oltre a diventare più facilmente aggrovigliato.

Un paio di cuffie di migliore qualità probabilmente avrà un cavo schermato che riduce al minimo il rumore. Se acquisti delle cuffie con un cavo troppo corto, puoi sempre aggiungere una prolunga, ma fai attenzione a ottenere un cavo di prolunga di pari qualità al cavo della cuffia. Dovresti anche aggiungere la lunghezza che desideri con un singolo cavo anziché due più corti, poiché più connessioni possono degradare il segnale.

Un’altra considerazione riguarda i cavi unilaterali rispetto a quelli biadesivi. I modelli a un lato hanno circuiti interni per trasportare i segnali agli auricolari appropriati. La maggior parte considera preferibili i disegni unilaterali, poiché il tipo a due lati può facilmente aggrovigliarsi.

Sommario
Come la maggior parte delle cose nella vita, quando si tratta di scegliere le cuffie, gli auricolari o gli auricolari giusti, ottieni quello per cui paghi. Sebbene alcune specifiche possano essere utili, cose come i numeri di risposta in frequenza possono essere ingannevoli. Non c’è alternativa all’ascolto critico e attento. Considerare come prevedi di utilizzare le tue nuove cuffie è anche fondamentale per individuare il modello giusto.

Vogliamo che tu sia soddisfatto dell’acquisto di cuffie o auricolari e offriamo una politica di restituzione generosa e senza problemi in modo che tu possa ordinare con fiducia.

Guida all’acquisto di cuffie Cheat Sheet
Se leggi solo una cosa, leggi questo.
Ecco le cose più importanti da chiederti e sapere quando scegli il tuo prossimo paio di cuffie, in formato morso.

Come li utilizzerai? Cerchi cuffie che non cadano quando fai jogging? O cuffie che bloccano il mondo su un aereo affollato? Il punto: il modo in cui prevedi di utilizzare le cuffie dovrebbe influenzare il tipo che acquisti. E ci sono diversi tipi.

Che tipo di cuffie vuoi? Le cuffie on-ear si appoggiano sulle orecchie, mentre le cuffie over-ear coprono l’intero orecchio. E anche se le cuffie in-ear non sono le migliori per una qualità audio incontaminata, puoi fare dei jump-jack con loro – e non cadranno.

Vuoi cablato o wireless? Cablato = un segnale perfetto a piena potenza, sempre, ma rimani legato al tuo dispositivo (telefono, lettore mp3, TV, ecc.). Wireless = sei libero di muoverti, persino di ballare con sfrenato abbandono al ritmo della tua canzone preferita, ma a volte il segnale non è al 100%. (Anche se la maggior parte delle cuffie wireless viene fornita con un cavo, quindi ottieni il meglio da entrambi i mondi.)

Vuoi chiuso o aperto? Chiuso come chiuso sul retro, il che significa che non ci sono buchi nel mondo esterno (tutto è sigillato). Aperto, come in open-back, con fori e / o perforazioni verso il mondo esterno. Chiudi gli occhi e il primo ti assicura di rimanere nel tuo mondo, con nient’altro che la musica. Quest’ultimo fa uscire la tua musica, creando un’esperienza di ascolto più naturale (simile a un normale stereo).

Scegli un marchio affidabile. Abbiamo un rappresentante per testare e controllare i marchi: li abbiamo messi tutti alla prova.

Acquista le tue nuove cuffie da un rivenditore autorizzato. E ottieni la garanzia, l’assistenza e il supporto del produttore. (Nel nostro caso, supporto garantito anche molto tempo dopo la vendita.)

Oppure salta il resto e acquistane uno elencato qui: Le migliori cuffie del 2020. Quindi concediti una standing-O. Ora hai quello che i nostri esperti chiamano uno dei migliori paio di cuffie ovunque, a qualsiasi prezzo. Qualsiasi domanda? Puoi chiamare e parlare con uno dei nostri esperti in qualsiasi momento.

6 passaggi per scegliere le cuffie giuste

Step 1. Identifica come utilizzerai le cuffie.

Utilizzerai le cuffie durante il viaggio, seduto nella tua stanza di ascolto o in palestra? O forse tutti e tre? Cuffie diverse saranno migliori per situazioni diverse e il resto di questa guida ti aiuterà a identificare quelle migliori per te.

Auricolari wireless Bose SoundSport
Auricolari wireless Bose SoundSport

Cuffie Bose QuietComfort 35 wireless con eliminazione del rumore II
Cuffie Bose QuietComfort 35 wireless con eliminazione del rumore II

Step 2: scegli il tipo di cuffia giusto.

La decisione più grande di tutte.

Prima di passare alle varianti wireless, alla cancellazione del rumore, alle funzioni intelligenti e così via, devi prima accontentarti del tipo di cuffia preferito, quindi facciamolo. Le tre varianti di base degli stili di cuffie sono: over-ear, on-ear e in-ear.

Acquista cuffie over-ear
Cuffie over-ear
Il più grande dei tre tipi, le cuffie over-ear circondano o coprono l’orecchio e rimangono accese con una leggera pressione sulla tempia e sulla mascella superiore. Le cuffie over-ear sono le cuffie dallo stile classico e originale e sono disponibili in due versioni: chiuse e aperte. Le cuffie chiuse mantengono naturalmente la tua musica, impedendo alle persone intorno a te di sentire ciò che stai ascoltando, mentre le cuffie aperte sul retro hanno aperture che lasciano entrare i suoni esterni e quelli interni. (L’effetto qui è un suono più naturale e spazioso, ma ne riparleremo tra poco.)

Il bene
Le cuffie over-ear sono l’unico tipo che lascia uno spazio tra le orecchie e gli altoparlanti delle cuffie. In una buona coppia, quello spazio fa quello che fa una buona sala da concerto: ti avvolge in un suono naturale, mentre presta un senso di distanza tra te e la performance. Quindi la musica su un buon set di cuffie over-ear è assassina, motivo per cui così tanti ingegneri del suono e produttori musicali le preferiscono.

Il non così buono
I tipici reclami delle cuffie over-ear includono: Troppo voluminoso. Troppo grande. Claustrofobico. Non riesco a sentire il campanello. “Le mie orecchie si sentono come se si riscaldassero.” Dopo un’ora, sento l’affaticamento dell’orecchio. (Qualunque cosa sia.) Ma tieni presente che il comfort è una questione di preferenze personali. Alcune delle cuffie più premium sono costruite con materiali come pelle di agnello e memory foam per migliorare il comfort.

Cos’altro?
Se provi a correre o ad allenarti con delle cuffie over-ear, possono farti sudare le orecchie. Ma se sei su un volo di 6 ore e hai davvero, davvero bisogno di bloccare il mondo, l’over-ear è la cosa migliore, specialmente con la cancellazione del rumore integrata. Infine, più grande è sempre meglio con il suono e cuffie over-ear più grandi = altoparlanti più grandi + durata della batteria maggiore (più lunga).

Post scriptum Montare e finire su un paio di cuffie over-ear di fascia alta è spesso stupendo.

Acquista cuffie on-ear
Cuffie On-Ear
Le cuffie on-ear sono generalmente più piccole e più leggere delle cuffie over-ear e rimangono sulla testa premendo direttamente sulle orecchie, come le cuffie. Le cuffie on-ear sono disponibili anche in varianti aperte e chiuse, ma di regola, le cuffie on-ear lascia passare più suoni ambientali rispetto alle cuffie over-ear.

Il bene
Le cuffie on-ear sono il miglior compromesso tra oscurare il mondo uditivo lasciando entrare un po ‘di suono, rendendole ideali per l’ufficio o la stanza di ascolto di casa. Molti modelli si ripiegano in un piccolo e ordinato pacchetto portatile e alcuni dicono che le cuffie on-ear non si surriscaldano come le cuffie over-ear. (Anche se pensiamo che il problema “caldo” sia, nessun gioco di parole, di solito un problema solo se ti stai allenando e ti surriscaldi. Niente si surriscalda.)

Il non così buono
Disturbi tipici delle cuffie on-ear: troppa pressione sulle orecchie fa male dopo un po ‘. Cadono quando scuoto la testa. Qualche suono ambientale entra in ogni caso. Mi pizzicano gli orecchini. Mi mancano i toni bassi più profondi che ottieni con i modelli over-ear.

Cos’altro?
Alcuni sostengono che un buon paio di cuffie on-ear (con un’eccellente cancellazione del rumore integrata) è alla pari con un equivalente over-ear allo stesso prezzo.

Cuffie in-ear e auricolari
Cuffie in-ear
Spesso chiamati auricolari o auricolari, gli auricolari in-ear sono i più piccoli dei tre tipi e si adattano al condotto uditivo. Sono anche ovunque in questi giorni, grazie in gran parte ad Apple che include un paio con ogni iPhone. (Alcuni sono persino usa e getta. E quelli, ti consigliamo di smaltirli.) C’è molto da amare con gli auricolari in-ear e molto da non amare, ma in conclusione: 5 dollari dicono che ne hai alcuni in un cassetto da qualche parte e tu già conoscere quanto segue.

Il bene
Le cuffie in-ear sono fantastiche (imbattibili) per allenarsi o fare qualcosa di attivo poiché sono più portatili e spesso sono dotate di materiali resistenti all’acqua / al sudore. Sono comodi, come metterli in tasca o appenderli al collo. Anche gli auricolari con cancellazione del rumore sono sorprendentemente buoni. Non ti scompigliano i capelli né interferiscono con gli occhiali o gli orecchini. E quelli migliori suonano meglio di quanto potresti pensare, date le loro dimensioni. (Avvertimento da seguire.)

Il non così buono

Le cuffie in-ear si aggrovigliano facilmente (a meno che non vengano fornite con un cavo che non si attorciglia o tu

andare con un paio di cuffie veramente wireless.) Dopo un po ‘, possono sembrare invadenti. Sono facili da perdere. E il grande problema: anche se abbiamo appena detto “suona meglio di quanto potresti pensare”, non prenderlo per significare che sono bravi come i loro cugini over o on-ear. La qualità uditiva complessiva e i bassi soffrono a causa delle dimensioni ridotte (di nuovo, a meno che non si scelga un paio di auricolari premium).

Cos’altro?

Se stai acquistando delle cuffie per l’allenamento, preferisci delle cuffie in-ear. (Puoi passare alla sezione successiva.) Alcuni modelli sono dotati di attacchi (a volte chiamati “pinne”) per una calzata personalizzata più comoda e sicura. E alcuni modelli hanno ingegnose funzionalità intelligenti e tattili, così puoi rispondere al telefono, cambiare playlist, disattivare il volume, quel genere di cose, senza armeggiare.

Step 3: Cuffie chiuse o aperte sul retro?


Cuffie chiuse
Qui, l’involucro esterno non ha fori o prese d’aria e l’intera struttura è costruita per avvolgere l’orecchio. (La parte che tocca il tuo viso e sigilla lo spazio tra le tue orecchie e il mondo esterno è, ovviamente, un materiale morbido e imbottito di qualche tipo.) E i conducenti sono seduti nel padiglione auricolare in un modo che invia (o indica ) tutti suonano esclusivamente alle tue orecchie. Questo è il design più comune trovato in tutti i tipi di cuffie (cuffie over-ear, on-ear e in-ear).

L’effetto netto: chiudi gli occhi e hai un’orchestra che suona dal vivo nella tua testa. Nel frattempo, la persona accanto a te non sente nulla. (Beh, tecnicamente, nulla è a prova di perdite al 100% quando si tratta di audio, ma hai l’idea.) In conclusione: sotto le cuffie chiuse, sei nel tuo mondo. Basta aggiungere la tecnologia di cancellazione del rumore e il tuo mondo sembrerà molto, molto lontano da quello reale.

Cuffie aperte
Cuffie aperte sul retro. Vedi le prese d’aria e i fori? Con i conducenti esposti al mondo esterno (invece che seduti nei padiglioni auricolari), il suono passa e lascia che l’aria fluisca dentro e fuori dall’orecchio. Questo crea un suono più spazioso (o palcoscenico) e l’illusione di uno stereo normale. Alcuni dicono che questo è un modo più naturale e meno artificioso per ascoltare la musica. E se ci atteniamo alla nostra analogia del “come ascoltare un’orchestra”, questa volta sei al posto del direttore, sul palco tra i musicisti.

L’unico avvertimento: tutti intorno a te ascolteranno la musica che stai ascoltando, quindi non sono l’ideale per le aree pubbliche come un aereo o un treno. I posti migliori per ascoltare le cuffie aperte: a casa o in ufficio (accanto a colleghi molto comprensivi, ovviamente).

Quindi ora, si spera, conosci il tuo tipo di cuffia preferito e se vuoi o meno chiuso o aperto. Quindi andiamo avanti … il bello è il prossimo.

Passaggio 4: cablato o wireless?

Questo è facile, ma diciamo che è una questione di preferenze personali.

Innanzitutto, una breve storia: una volta qualcuno ha inventato il Bluetooth, e poi qualcun altro ha messo il Bluetooth in un paio di cuffie (essenzialmente inventando il primo paio di cuffie wireless al mondo) e anche se sì, era chiaramente una grande idea, ce n’era una grosso problema: la musica nelle cuffie Bluetooth di prima generazione suonava orribile. Come in metallico, spotty terribile … o radio AM in una ciotola d’acqua orribile.

Questo è stato allora. Questo è ora. Le cuffie wireless Bluetooth premium di oggi sono così fantastiche che la qualità del suono è praticamente indistinguibile dalle versioni cablate della stessa cosa. E hai due diversi tipi tra cui scegliere: wireless e veramente wireless.

Le cuffie wireless hanno un cavo che collega i due auricolari, come il Bose SoundSport nelle orecchie. Con cuffie veramente wireless come le Bose SoundSport Free, non ci sono cavi per il collegamento a una sorgente musicale e nessun cavo tra ciascun auricolare (vedi sotto).

E potremmo elencare i vantaggi che derivano dalle cuffie wireless – il senso di libertà, non essere più legati fisicamente a un dispositivo e così via – ma perché? Questo è un gioco da ragazzi: se puoi permetterti le cuffie wireless, comprale. Dopotutto, quasi ogni paio di cuffie wireless oggi sul mercato viene fornito anche con un cavo, quindi puoi comunque ottenere il meglio da entrambi i mondi.

Detto questo, ci sono ancora due grandi motivi per considerare le cuffie cablate. Il primo: se sei un musicista serio, un ingegnere del suono e / o un tecnico audio, vorrai cuffie cablate per un audio di qualità superiore e un suono sempre migliore, indipendentemente dalle condizioni. Vero anche per gli audiofili e / o per chiunque viva per la loro musica.

Il secondo grande motivo per cablare tramite wireless: la durata della batteria. Il Bluetooth consuma costantemente la batteria e non puoi mai prevedere quando la batteria si esaurirà. (Anche se puoi aspettarti da 10 a 20+ ore sulla maggior parte delle cuffie wireless.)

Step 5: cancellazione del rumore.

Ascoltare o non sentire? Questa è la domanda.

Cuffie Bose Noise Cancelling 700
Bose Noise Cancelling Head

telefoni 700
Sony WH-1000XM3 Cuffie over-ear wireless con eliminazione del rumore leader nel settore con Google Assistant
Cuffie over-ear wireless Sony WH-1000XM3 con eliminazione del rumore
Riepilogo rapido.


Idealmente, a questo punto, hai scelto il tuo stile di cuffia: Over-Ear, On-Ear o In-Ear. Quindi hai scelto il design con schienale aperto o chiuso. Successivamente, hai valutato i vantaggi delle tecnologie wireless e di cancellazione del rumore. Ora tocca ai piccoli, ma comunque preziosi, extra.

Nel 1978, una società emergente chiamata Bose divenne simile alla NASA, gettando i suoi notevoli talenti contro una sofisticata tecnologia di cancellazione del rumore che avrebbe richiesto 11 anni per perfezionarsi nelle loro cuffie. Oggi, quella tecnologia è solo migliore e, in effetti, la versione di Sony è talmente buona che si potrebbe pensare che stiano usando la stregoneria o la magia in qualche modo.

La vera storia qui: ci sono due diversi tipi di tecnologia per cuffie con cancellazione del rumore, ed entrambi lavorano per eliminare il rumore intorno a te (come il fastidioso cane che abbaia della porta accanto oi bambini che guardano i cartoni animati) in modo che tu possa concentrarti sulla tua musica.

La “cancellazione attiva del rumore” è una nuova metodologia in cui i suoni indesiderati vengono eliminati tramite nuovi suoni creati e adattati per cancellarli. La “riduzione passiva del rumore” è meno costosa, non necessita di alimentazione e utilizza tecniche di isolamento per prevenire rumori indesiderati.

Abbastanza retroscena. Ecco l’accordo:

Se non hai acquistato cuffie negli ultimi tre anni, ti aspetta una bella sorpresa. È difficile sopravvalutare quanto siano migliori le cuffie – over-ear, on-ear o in-ear – con la più recente tecnologia di cancellazione del rumore all’interno. Che si tratti del rumore di un aereo affollato o dell’interno di un treno, della città di notte, del ronzio degli impiegati nelle vicinanze o persino del ronzio di macchinari leggeri nelle vicinanze, tutto scompare, lasciando solo te e la tua musica.

Le migliori cuffie con cancellazione del rumore sono davvero costose (aspettatevi di spendere fino a $ 149), e i contendenti per il “meglio della cancellazione del rumore” includono MVP come Bose e Sony.

Step 6. Opzioni, componenti aggiuntivi e accessori.

Alcuni modi per rendere ancora migliore una cosa buona.

Convertitore digitale-analogico AudioQuest DragonFly Cobalt USB
Convertitore digitale-analogico AudioQuest DragonFly Cobalt USB
McIntosh MHA50 Amplificatore per cuffie con decodifica portatile
McIntosh MHA50 Amplificatore per cuffie con decodifica portatile
amplificatori


Gli amplificatori per cuffie vanno da $ 99 a $ 5000. (Senza dubbio Bruno Mars ha quello da 5K.) Perché ne vorresti uno: un buon amplificatore per cuffie aumenta le prestazioni delle cuffie di qualche livello, da “hey, suona meglio” a “wow, Taylor Swift è molto meglio di quanto pensassi “.

Come funziona: tra le altre cose, un amplificatore per cuffie accederà a informazioni digitali sfumate di basso livello spesso sepolte durante la registrazione. Il risultato: maggiore chiarezza, una gamma dinamica più ampia e dettagli incredibili.

Usare un amplificatore per cuffie è facile come 1, 2, 3. 1) Collegare l’amplificatore per cuffie AC. 2) Collega l’amplificatore per cuffie al tuo dispositivo con il cavo di connessione destro. La maggior parte degli amplificatori è dotata di cavi di connessione diversi, basta scegliere quello che funziona con il tuo dispositivo, che si tratti di un telefono, tablet, ricevitore, ecc. 3) Collega le cuffie al tuo nuovo amplificatore per cuffie. Fatto.

DAC
DAC = convertitore da digitale ad analogico. La musica digitale sotto forma di file MP3 è pesantemente compressa e, di conseguenza, manca dei dettagli e delle dinamiche che facevano parte della registrazione analogica originale. Ma un DAC trasforma di nuovo quel file digitale in un file analogico … e quel file analogico è molto più vicino alla registrazione in studio originale. Sebbene ogni lettore di musica digitale sia già dotato di un DAC, un DAC separato e migliore convertirà i tuoi file musicali in modo più fedele.

Il risultato: un suono migliore, più ricco, più pulito e più preciso. (Un DAC richiede un amplificatore per cuffie per funzionare, sebbene la maggior parte di quelli che troverai sono anche amplificatori.)

Un DAC vive tra il tuo dispositivo – qualunque cosa ascolti musica (smartphone, tablet, lettore mp3 e così via) – e le tue cuffie. Un cavo collega il DAC al dispositivo e un altro cavo collega le cuffie al DAC. Sei attivo e funzionante in pochi secondi.

Cavi e supporti
Molte cuffie over-ear verranno fornite con le proprie custodie per proteggerle da polvere, sporco e danni. Ma se li ascolti spesso e vuoi metterli in mostra, un supporto per cuffie è un’ottima opzione per mostrare la tua attrezzatura. Nel caso in cui sia necessario aggiornare il cavo delle cuffie o i padiglioni auricolari, alcune marche vendono parti di ricambio per mantenere le cuffie come nuove.

E il tipo di musica?
Quali cuffie funzionano meglio per ascoltare il rock progressivo? E la musica classica contemporanea?

Alla fine della giornata, la preferenza per le cuffie è totalmente soggettiva. Alcuni potrebbero preferire un po ‘più di bassi, anche se ascoltano solo classici barocchi, mentre qualcun altro si preoccupa davvero della voce nell’hip-hop. Quindi il nostro consiglio: non è qualcosa di cui dovrai preoccuparti. E se stai acquistando un paio di cuffie premium (pensa oltre $ 600), puoi essere certo che ogni piccolo dettaglio viene fornito con chiarezza incontaminata.

Perché così grandi differenze di prezzo?
Un paio di cuffie di fascia alta, diciamo qualsiasi

oggetto nella gamma da $ 1K a $ 5K, è costruito utilizzando i migliori materiali e, il più delle volte, assemblato, calibrato e testato a mano. (Le cuffie meno di $ 1K sono in genere per lo più costruite da robot, come la maggior parte delle auto, con un po ‘di assemblaggio a mano.)

Ad esempio, i padiglioni delle cuffie Utopia di Focal sono avvolti in pelle di agnello italiana su memory foam ad alta densità. Il giogo è perfettamente bilanciato, realizzato in fibra di carbonio, anch’esso rivestito in pelle, e davvero, davvero comodo.

All’interno, driver per altoparlanti in berillio puro, e per non essere eccessivamente tecnici: una risposta in frequenza dal trasduttore Focal che va da 5Hz a oltre 50kHz – senza alcun crossover o filtro passivo – che è sorprendente e molto vicina alla perfezione. Anche il cavo è speciale, e appositamente selezionato per rispettare e mantenere il segnale audio originale con una speciale schermatura per proteggerlo dalle interferenze.

All’estremità inferiore, se puoi vivere senza pelle di agnello italiana e driver in puro berillio, puoi comunque ottenere un suono spettacolare per molto meno. (E a proposito, a World Wide Stereo, se non pensiamo che qualcosa valga i soldi a causa della qualità del suono inferiore o della qualità costruttiva, non lo portiamo.)

E la garanzia?
Quando acquisti da un rivenditore autorizzato, le tue nuove cuffie avranno la piena garanzia del produttore. Inoltre, con un rivenditore autorizzato, oltre al supporto del produttore, ricevi anche supporto telefonico ed e-mail dal rivenditore.

Lo Staff consiglia di leggere anche:

I Best Sellers secondo gli utenti Amazon: