Android 11: data di lancio, funzionalità e tutto ciò che devi sapere

Android 11

Google sta lanciando Android 11 al pubblico, dopo mesi di beta test e aggiornamenti del sistema operativo mobile.

L’aggiornamento software over-the-air offre una serie di nuove funzionalità tra cui bolle di messaggi, notifiche ridisegnate, un nuovo menu di alimentazione con controlli per la casa intelligente, un widget di riproduzione multimediale, una finestra picture-in-picture ridimensionabile, registrazione dello schermo, profili di lavoro migliorati , e altro ancora. 

Quando sarà disponibile Android 11?

  • 8 settembre 2020

Google ha inconsapevolmente rivelato che il suo prossimo importante aggiornamento software per smartphone sarebbe arrivato l’8 settembre 2020, dopo mesi di sviluppatori e beta test pubblici. La quarta e ultima versione dell’aggiornamento è infatti ora disponibile.

Quali telefoni avranno Android 11? 

L’aggiornamento del software è disponibile per i possessori di dispositivi Pixel di Google (Pixel 2 e successivi) e per i dispositivi di OnePlus, Xiaomi, OPPO e Realme. 

  • Pixel 2 e successivi
  • OnePlus 8
  • Oppo Trova X2 e Trova X2 Pro
  • Realme X50 Pro
  • Xiaomi Mi 10 e Mi 10 Pro

Poco ha anche annunciato che Android 11 arriverà su F2 Pro. Per maggiori informazioni su quando il tuo dispositivo riceverà Android 11,  consulta la nostra guida qui .

Come ottenere Android 11

Sospettiamo che potrebbe volerci un po’ di tempo per ottenere Android 11 se non disponi di uno dei dispositivi sopra elencati o se il tuo dispositivo ha più di un anno.

Ecco come verificare se l’aggiornamento è disponibile per te:

  1. Apri l’app Impostazioni del telefono.
  2. Nella parte inferiore, tocca Sistema > Avanzate > Aggiornamento del sistema.
  3. Vedi la tua “Versione Android” e “Livello patch di sicurezza”.

Ed ecco come ottenere effettivamente l’ultimo aggiornamento Android:

  1. Quando ricevi una notifica su un aggiornamento, tocca l’azione di aggiornamento.
  2. Oppure, se hai cancellato accidentalmente la notifica, segui questi passaggi:
    • Apri l’app Impostazioni del telefono.
    • Nella parte inferiore, tocca Sistema > Avanzate > Aggiornamento del sistema.
    • Vedrai lo stato dell’aggiornamento. Segui i passaggi sullo schermo.

Google ha anche una  pagina delle domande frequenti qui con maggiori dettagli su come aggiornare il tuo dispositivo Android .

Cosa c’è di nuovo in Android 11?

Bolle di messaggi e conversazioni “prioritarie”

Quando ricevi un messaggio tramite la normale app dei messaggi, puoi visualizzare una notifica in una bolla mobile sullo schermo simile a come funziona Chat Heads di Facebook Messenger.

Alla fine questo sarà disponibile per altre app di terze parti, ma attualmente è solo quello. Per usarlo, basta premere a lungo una notifica di messaggio e toccare “mostra in una bolla”, e ora ottieni le tue bolle.

Da questo punto in poi, fino a quando non rimuovi il fumetto dallo schermo, tutti i nuovi messaggi verranno visualizzati come una finestra da questo fumetto. Presumiamo che questo stesso metodo si applicherà se e quando gli sviluppatori di app come WhatsApp e Telegram implementeranno la funzionalità nelle loro app.

Inoltre, quando ricevi un messaggio da un contatto con cui ti piace chattare spesso, puoi premere a lungo la notifica e contrassegnare quella particolare conversazione come priorità. Ciò significa che riceverai le loro notifiche anche quando il telefono è su “Non disturbare”. 

Notifiche ridisegnate

La cosa interessante è che Android 11 suddivide e ordina le notifiche in gruppi pertinenti, quindi le conversazioni, come i suddetti messaggi SMS, appaiono in alto nella loro sezione di facile lettura, rendendo più facile rispondere rapidamente e continuare con le tue attività. Separandoli dalle altre cose a cui probabilmente non ti interessa tanto.

Quindi altri sono suddivisi in notifiche di avviso e notifiche silenziose. Il primo è per le notifiche di sistema in cui qualcosa potrebbe essere in esecuzione in background. Quest’ultimo è per le app che ricevono molti avvisi che non devi necessariamente vedere o ascoltare tutto il tempo. Quindi i social media e le e-mail si adattano bene qui. 

Inoltre, l’effettiva interfaccia visiva delle notifiche è stata modificata e sviluppata durante la fase di anteprima di Android 11. Nell’aggiornamento più recente sono state aggiunte alcune trasparenze e sfumature, conferendole un po’ più di finezza.

Nuovo menu Power con controlli per la casa intelligente

Con Android 11 l’interfaccia che viene visualizzata quando si preme a lungo il pulsante di accensione/riposo sul lato è molto più utile. Non solo ti mostra le solite opzioni di alimentazione, riavvio e contatto di emergenza, ma anche un facile accesso a GPay e ai controlli della casa intelligente in modo da poter accendere o spegnere rapidamente i tuoi prodotti per la casa intelligente o premere a lungo i loro widget per regolarli in modo più granulare moda. 

Nuovo widget di riproduzione multimediale

Qualsiasi app che riproduce contenuti multimediali sul tuo dispositivo creerà un widget nel menu a discesa delle impostazioni rapide, completo di sfondo a colori abbinato alla copertina dell’album. L’abbiamo testato con Tidal, ma funzionerà praticamente con qualsiasi app multimediale. Come piccolo bonus, quando tocchi il pulsante Riproduci/Pausa, ottieni una bella animazione increspata.

Inoltre, c’è un modo più semplice per cambiare l’uscita multimediale in modo da poterla riprodurre sul dispositivo, nelle cuffie, trasmetterla a una TV o a uno streamer audio. 

Finestra Picture-in-Picture ridimensionabile

Ogni volta che chiudi un’app video come YouTube o Netflix in Android, inserisce automaticamente quel video in una piccola finestra mobile sopra tutto il resto e continua a riprodurre il video. Nell’anteprima per sviluppatori di Android 11, Google ha aggiunto l’opzione per ridimensionare quella finestra picture-in-picture. 

Registrazione dello schermo

Una nuova fantastica funzionalità che già fanno alcuni altri telefoni Android, come i telefoni delle serie OnePlus 8 e 7T, è la facile registrazione dello schermo. Abbassa l’ombra di impostazione rapida e l’opzione è proprio lì. 

Dopo aver toccato il riquadro delle impostazioni rapide della registrazione dello schermo, viene visualizzata una finestra pop-up che ti chiede di confermare se desideri avviare definitivamente la registrazione. Prima di iniziare è possibile selezionare se si desidera registrare l’audio tramite il microfono o se si desidera registrare direttamente l’audio del dispositivo. 

Una volta confermato, registrerà tutto ciò che stai facendo sul tuo telefono prima che tu decida di fermarti e salvare il filmato. Puoi anche annullare la registrazione in qualsiasi momento. 

Suggerimenti di app intelligenti?

Quando configuri Android 11 per la prima volta, viene visualizzato un popup che ti chiede se desideri utilizzare il dock dell’app generato automaticamente da Google. Ciò significa che, invece di scegliere le quattro o cinque app che desideri nella parte inferiore di ogni schermata iniziale, Google popola quell’area con ciò a cui pensa che tu voglia accedere. Finora, non è stato molto utile, ma probabilmente migliorerà con il tempo man mano che il telefono apprende i modelli di utilizzo. 

Nuova schermata delle app recenti 

C’è un’interessante modifica alla schermata delle app recenti nell’ultima anteprima per sviluppatori, che elimina i suggerimenti rapidi delle app e la sostituisce con un’opzione screenshot/condivisione. Inoltre, anche le schede che mostrano le miniature di tutte le app recenti sono state ingrandite. 

Nella quarta anteprima per sviluppatori, Google ha anche aggiunto un pulsante “Seleziona” alla riga inferiore di icone nella schermata delle app recenti per rendere più chiaro che puoi, in effetti, selezionare manualmente testo o immagini dalla scheda delle miniature dell’app. 

Inoltre, quando fai scorrere via una carta per eliminarla/cancellarla dalla memoria, c’è un’opzione di annullamento che ti consente di riportarla indietro quando l’hai strisciata accidentalmente. 

Sensibilità al gesto della schiena

Quando hai attivato la navigazione gestuale di Android, lo scorrimento dal bordo sostituisce il pulsante “indietro”. In Android 11 puoi regolare la sensibilità che vuoi che questo gesto sia, questo sarà utile se ti trovi in ​​un’app con i suoi controlli e gesti dedicati vicino al bordo dello schermo. Puoi anche regolare individualmente l’impostazione per ciascun lato del display.  

Immagini di screenshot simili a iPhone

Simile a come lo fanno altri produttori Android – e in effetti l’iPhone -, quando fai uno screenshot, vedrai una piccola miniatura di quello screenshot apparire nell’angolo inferiore del display. Ha una piccola “x” per ignorarlo, così come le opzioni “condividi” e “modifica”. Ciò significa che non richiede più una notifica completa nella parte superiore dello schermo. 

Programmazione in modalità oscura

La modalità oscura è apparsa per la prima volta come impostazione a livello di sistema su Android 10 e con Android 11 è possibile pianificarla e automatizzarla. Impostare l’ora in cui si desidera che si accenda o si spenga manualmente ogni giorno impostando l’ora nelle impostazioni.

Come tante app e altri telefoni Android, puoi anche scegliere di accenderlo al tramonto e spegnerlo all’alba. 

Autorizzazioni app singole

Le autorizzazioni una tantum sono forse una delle più grandi funzionalità basate sulla privacy. Ti consente di dire a un’app che può accedere alla tua posizione solo quella volta che stai utilizzando l’app, piuttosto che dover scegliere tra “sempre”, “solo quando la sto usando” o “mai”. Ti dà molto più controllo.

Accesso vocale: controlla il tuo telefono con la tua voce

Una funzione di accessibilità piuttosto intelligente è la possibilità di controllare il telefono con la voce utilizzando Voice Access di Google. Con esso attivato, puoi fare qualsiasi cosa semplicemente parlando. Quindi se vuoi lanciare un’app puoi, o anche comporre un messaggio, inviare un tweet, visualizzare le tue foto. Assegna numeri anche a determinati elementi di controllo all’interno dell’interfaccia utente. Ciò significa, ad esempio, se il numero “12” è sopra la “X” nell’angolo o il numero “1” sopra il pulsante “cancella”, puoi semplicemente pronunciare quei numeri e agirà su quei comandi come se tu li avevo premuti sullo schermo.